Nanni Moretti a Brindisi per presentare il suo docufilm “Santiago, Italia”

BRINDISI - Nanni Moretti arriva a Brindisi per presentare il suo ultimo film, il documentario «Santiago, Italia». Appuntamento con il regista e il suo film domenica 24 febbraio, alle ore 18, al Cinema Teatro Impero. Biglietto d’ingresso euro 5,00. Moretti introdurrà il film e saluterà il pubblico al termine. 

Il film, uscito al cinema lo scorso 6 dicembre, e presentato in chiusura del Torino Film Festival, narra attraverso l’utilizzo anche di filmati d’archivio e interviste i mesi successivi al colpo di Stato di Pinochet - che aveva spezzato il sogno e la vita di Salvador Allende - in Cile nel 1973. Soprattutto, Moretti pone l’accento sul ruolo dell’ambasciata italiana in Cile a Santiago che diede rifugio a moltissimi oppositori del regime instauratosi consentendo loro di trasferirsi poi nel nostro paese.

Storie bellissime, alcune incredibili, cariche di dignità e di paradossale nostalgia, non prive di risvolti assurdi, anche quando sono storie di tortura. Le immagini d’archivio ripropongono Allende naturalmente, anche con Neruda. C’è il suo ultimo discorso prima di morire alla Moneda. Pinochet appare pochi secondi in immagini televisive molto disturbate. Quasi tutto è affidato alla viva voce di testimoni, uomini e donne. Sono loro, dal loro punto di vista unico e irripetibile, a ricostruire tutto. Il clima politico, l’assedio economico, l’ostilità dei media, il ruolo degli Usa, le responsabilità collettive e individuali («Abbiamo solo eseguito gli ordini», dice uno dei due militari intervistati).

«Un anno e mezzo fa ero a Santiago - ha dichiarato Nanni Moretti - in Cile per una conferenza e l’ambasciatore Marco Ricci mi raccontò una bella storia italiana di cui andare fieri. Durante il colpo di Stato in Cile l’ambasciatore era in Italia perché la madre stava morendo così due diplomatici trentenni si sono trovati a gestire la situazione. Quando sono tornato in Italia la voglia di fare il film non mi è passata e allora ho cominciato le prime interviste. Volevo intervistare anche i cattivi quindi chiedevo in continuazione di entrare nel carcere di Punta Peuco, un carcere per privilegiati e alla fine ho ottenuto il permesso. In tutto ho girato quaranta ore di interviste che poi ho ridotto a due con l’aiuto del mio montatore. Non volevo parlare degli anni Novanta e della morte di Pinochet, ma volevo che il film finisse con le persone che raccontano l’Italia degli anni Settanta. Questa è una storia italiana di cui andare fieri, è una storia di accoglienza e mi piace raccontarla oggi».

L’appuntamento con Nanni Moretti comporta una variazione nella programmazione del film «Disobedience», aggiornata a venerdì 22 e sabato 23 febbraio, con doppia proiezione alle 18 e alle 20 (biglietto d’ingresso euro 5,00).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • Il teatro è servito: la programmazione del Kopò

    • dal 12 ottobre 2019 al 10 maggio 2020
    • Teatro Kopó Brindisi
  • Ritorna il posto delle favole al teatro comunale di Ceglie Messapica

    • dal 27 ottobre 2019 al 8 marzo 2020
    • Teatro comunale
  • Tour di spettacoli a Brindisi con il Performing Arts Festival, prima edizione

    • dal 28 novembre 2019 al 26 aprile 2020
  • Otto concerti da camera al teatro Sociale da novembre a maggio

    • dal 12 novembre 2019 al 12 maggio 2020
    • teatro Sociale di Fasano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento