Brindisi, la politica e la svolta industrialista: il libro di Franco Stasi

Edito da Hobos edizioni, racconta alcune vicende legate a un lungo periodo della politica nella città di Brindisi dalla fine degli anni ‘50 al 1970

BRINDISI - E' disponibile il libro di Franco Stasi dal titolo "La politica a Brindisi negli anni della svolta industrialista - «Dalla chiusura a sinistra» alle amministrazioni di centro-sinistra", con introduzione a cura del professor Nicola Colonna, edito da Hobos Edizioni, (15 euro). 

A dieci anni dalla posa della prima pietra del marzo 1959 dalla cerimonia inaugurale dell’insediamento della Montecatini, sulla grande la_politica_a_Brindisi_negli_anni_della_svolta_industrialista-2trasformazione che aveva interessato la realtà brindisina, quasi una sorta di rifondazione, alla fine degli anni ‘60, molti esponenti della classe dirigente politica ed istituzionale, che avrebbero governato per quasi un trentennio le sorti della provincia e della città capoluogo, si erano confrontati per evidenziare le realizzazioni compiute, per sottolinearne, anche i punti critici: le prime avvisaglie della crisi del modello di sviluppo “autopropulsivo” fondato sull’insediamento della grande industria, la stagnazione occupazionale, il devastante impatto urbanistico, la comparsa di un vasto inquinamento ambientale, la pericolosità degli impianti industriali, le mancate tutele sulla salute degli abitanti; si era andati alla ricerca dei rimedi, ai propositi di individuare nuovi percorsi e soluzioni per il futuro.

Nonostante l’imponente sostegno finanziario dello Stato, venuto, poi, progressivamente meno già dalla metà degli anni ‘60, la politica dei poli non aveva dato i risultati previsti. Accanto a queste criticità, tuttavia, si sottolineava che se pure in una disordinata ricostruzione urbanistica, la città aveva assunto un volto nuovo con la scomparsa dei “rioni” malsani tenuti in condizioni medievali, si erano costruiti interi quartieri di prevalente edilizia popolare, ma anche scuole, ospedali, uffici, strade ...; il modello di sviluppo avviato, pure con tutti i suoi limiti e riserve, aveva assolto al compito di creare a Brindisi una vasta occupazione e di promuovere un diffuso benessere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo libro racconta, per quanto possibile, alcune vicende legate a questo lungo periodo della politica nella città di Brindisi dalla fine degli anni ‘50 al 1970, del confronto ideologico, politico e programmatico; dalla “chiusura a sinistra” alla costituzione della prima giunta di centro-sinistra, alle scelte e alle realizzazioni compiute dalle amministrazioni in quegli anni, alle riflessioni critiche che ne erano seguite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Cellino San Marco. Una nuova tenda pneumatica per la Croce Rossa di Puglia

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

Torna su
BrindisiReport è in caricamento