Vicissitudini di un impiegato

SAN PIETRO VERNOTICO - “Quandu lu diavulu mpizza la cuta”. Si chiama così la quinta commedia brillante in vernacolo dell'artista salentino Raffaele Del Savio.

I dialoghi de 'Quandu lu diavulu mpizza la cuta'

SAN PIETRO VERNOTICO - “Quandu lu diavulu mpizza la cuta”. Si chiama così la quinta commedia brillante in vernacolo dell'artista salentino Raffaele Del Savio che andrà in scena domenica 28 aprile sul palco del teatro “Don Bosco” di San Pietro Vernotico interpretata dalla storica compagnia teatrale, “Don Pietro Cocciolo”. Parte del ricavato della rappresentazione di domenica sarà destinato alla ristrutturazione del campetto di calcio adiacente la parrocchia, il cui costo per restituirlo ai giovani parrocchiani si aggira attorno ai 7mila euro.

Il cast di questa nuova commedia in tre atti, scritta nel lontano 1978, è composto da dieci attori tutti sanpietrani: Danilo Gargano, Piera Cannoletta, Johnny Pinto, Sonia Gargano, Emilio Epifani, Gianpaolo Locorotondo, Mino Fiorentino, Pierpaolo Caretto, Bruno Conte e Sandra De Giorgi. Racconta la storia di “Ferdinando Guagliulo, povero impiegatuccio comunale alle prese con una quotidianità fatta di stenti e rinunce ma affrontata con ironia e una certa dose di strafottenza tipica del bonaccione di turno".

Solo una cosa riesce a indispettirlo e irritarlo: la presenza costante della suocera Candida, "donna viscida, dispettosa, venale e soprattutto furba che non perde occasione di calunniare e oltraggiare il povero Ferdinando che non può contare neanche sul sostegno della moglie Concetta perchè lei sta un po' di qua e un po' di là. Alle vicissitudini di casa Guagliulo prendono parte attiva il maresciallo dei carabinieri e il suo subalterno, il postino, il sindaco, il padrone di casa, l'agente di assicurazione e uno sconosciuto”.

Nuova performance, quindi, per la compagnia teatrale “Don Pietro Cocciolo”, nata circa 36 anni fa con il nome di “Compagnia teatrale Don Bosco” e poi trasformatasi in “Don Pietro Cocciolo” in ricordo dello storico parroco sanpietrano scomparso tre anni fa dopo una lunga malattia, che tra i tanti progetti aveva anche quello di dare un campo di calcetto ai giovani del quartiere. Il “regista” della commedia che andrà in scena domenica è il sanpietrano Johnny Pinto attore per passione, coordinatore e maestro di teatro. Il sipario si apre alle 20,30.

 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Tenta rapina in rivendita di pane, il titolare reagisce e lei fugge: denunciata

Torna su
BrindisiReport è in caricamento