Altre quattro colonnine per auto elettriche in centro: Ostuni sempre più smart

Sottoscritto il Protocollo d’intesa con Enel X per la creazione di una rete distributiva di energia elettrica sul territorio comunale

OSTUNI - Ostuni si conferma una città orientata alla sostenibilità ambientale. A circa un anno dall’installazione di tre colonnine per il rifornimento di energia elettrica, sistemate da E-distribuzione e finanziate dalla Comunità Europea, che a giugno 2017 comparivano in via Specchia, presso il parcheggio di via Pinto e a Villanova, il Comune di Ostuni sottoscrive un protocollo d’intesa con la società Enel X, la divisione del Gruppo Enel dedicata alla mobilità elettrica, ai prodotti innovativi e alle soluzioni digitali, per la creazione di una rete distributiva urbana.

Assodato che il trasporto contribuisce in maniera sostanziale all’inquinamento atmosferico e all’aumento delle emissioni di gas serra, l’amministrazione comunale ha individuato quattro siti e concordato con Enel X l’installazione di altrettante colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, gestite con le più avanzate tecnologie informatiche per il controllo remoto, in grado di rispondere alle attuali e future esigenze di una mobilità urbana evoluta e sostenibile. Il Protocollo prevede in prima battuta l’installazione di due colonnine, a cui se ne aggiungeranno altre due a breve, che verranno collocate in: via Martiri di Belfiore, piazza On. Galizia, via G. Palma e via V. Palma.

Secondo quanto stabilito dal disciplinare sottoscritto, che ha una durata di otto anni e non comporta oneri diretti a carico del Comune, spetta a Enel X progettare le aree dedicate al rifornimento, richiedere le autorizzazioni necessarie e provvedere all’installazione delle colonnine, che restano di proprietà della società, occuparsi di tutte le attività di collaudo e alla realizzazione di opportuna segnaletica orizzontale. Al Comune di Ostuni è spettato invece il compito di individuare le aree idonee, sia dal punto di vista funzionale sia dal punto di vista della visibilità, mettendo a disposizione, a titolo gratuito, le porzioni di suolo necessarie all’utilizzo delle colonnine per la durata dell’accordo, facendo in modo che gli stalli vengano occupati esclusivamente da veicoli elettrici in ricarica.

«Il mio assessorato sta operando in linea con gli obiettivi imposti dalla Comunità Europea – dichiara l’assessore all’Ecologia e all’Ambiente Luigi Nacci – al fine di cercare di limitare progressivamente l'impatto del traffico veicolare all’interno del centro abitato. L'offerta di ENEL ci agevola nella pianificazione del processo di tutela ambientale, favorendo l’implementazione di programmi che incentivano la mobilità sostenibile».

«Un protocollo, quello siglato con Enel X – spiega il Sindaco Gianfranco Coppola – che va di pari passo con un continuo rapporto di collaborazione, scandito da sostanziosi investimenti sul territorio operati dalla società attraverso e-distribuzione, tesi ad un potenziamento della rete per aumentarne la resilienza e rendere disponibile maggiori potenze, atte a sostenere i crescenti carichi di energia richiesti. Da parte di questa mia amministrazione, va a Enel un sentito ringraziamento e un augurio di sempre più proficue collaborazioni».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

  • Maxi carico di droga al largo di Brindisi: arrestato uno scafista

  • Bomba, per l'evacuazione 300 brandine nelle scuole. Previsti colazione e pranzo

  • Bomba, svincoli chiusi e percorsi obbligatori: così cambierà la viabilità

Torna su
BrindisiReport è in caricamento