Sviluppo rurale e promozione turistica, tavolo tecnico tra i tre Gal brindisini

Istituito un tavolo tecnico tra i Gal brindisini per uno sviluppo rurale coordinato dell’intera provincia

BRINDISI - I tre Gal, Alto Salento 2020, Terra dei Messapi e Valle D’Itria, hanno istituito, di fatto, un tavolo tecnico per la governance territoriale dell’area rurale della Provincia di Brindisi. Creare interazione tra i territori, generare continuità tra gli interventi dei singoli Gal, tracciare linee comuni per uno sviluppo coordinato del territorio provinciale nel settore agricolo e della pesca, sono queste le motivazioni principali che hanno spinto i tre Gal brindisini ad incontrarsi regolarmente in sessioni di lavoro condivise.

pesca peschereccio-2

Alla luce della nuova programmazione gli obiettivi alla base della collaborazione sono quelli di costruire sinergie interterritoriali, aumentare gli effetti delle singole azioni e organizzare nuovi metodi di lavoro. Una delle novità nei Psr 2014/2020 consiste nell’assegnare autonomia d’azione a ciascun Gal italiano relativamente al proprio territorio di competenza, così come richiesto dalla Comunità Europea.

Se, da un lato, questo aspetto rappresenta un vantaggio, vista la possibilità di calibrare gli aiuti sulle specifiche esigenze locali; dall’altro, potrebbe costituire un limite per l’integrazione tra l’attuazione locale delle strategie e le politiche di sviluppo regionali, rilegando gli effetti delle azioni dei singoli Piani di Azione Locali – Pal – ad una logica autoreferenziale.

Gli obiettivi comuni

Avvertito questo rischio, i tre Gal, la cui area amministrativa ricade prioritariamente nella provincia di Brindisi, hanno deciso – spontaneamente – di creare un gruppo di lavoro per condividere le strategie attuative dei Pal in tavoli tecnici. Dal primo incontro, tenutosi venerdì 27 luglio 2017, sono emersi i seguenti punti in comune: Valorizzazione delle filiere agroalimentari rafforzando la produzione e la vendita del prodotto a chilometro zero; qualificazione dell’offerta turistica lavorando sull’organizzazione territoriale al di la dell’alta stagione; di incontri informativi per sensibilizzare gli attori locali verso i modelli di offerta turistica legati a standard di mobilità lenta, a piedi o in bici; estensione e integrazione degli itinerari tematici dei singoli Gal legando i percorsi ai cammini dei pellegrini e alle ciclo-vie nazionali e internazionali.

fruttivendoli verdura bancarelle-2

Poi ancora intercettare progettualità e opportunità di sviluppo extra leader per l’intera provincia; sensibilizzazione sulle tematiche del mondo della pesca, sulla stagionalità dei suoi prodotti, informando la popolazione, sul corretto consumo del pescato locale e istituendo una rete di ristoratori e venditori certificati; puntare sulle start-up come volano per interpretazioni territoriali originali e capaci di offrire soluzioni a problemi utilizzando anche le nuove tecnologie.

biciclette mare-2

Questi le principali affinità delle strategie di Sviluppo Locale dei singoli Gal poste come base di partenza per rafforzare la rete rurale locale e per migliorare le condizioni di lavoro degli attori locali operanti nel settore agricolo, della pesca e in quello artigianale nel prossimo futuro. Inoltre i Gruppi puntano a rafforzare il posizionamento strategico dell’offerta turistica rurale brindisina sviluppando un vantaggio competitivo sulle altre destinazioni pugliesi ampliando l’organizzazione dell’offerta territoriale in tutti i mesi dell’anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche alla luce della recente costituzione di Assogal Puglia (Associazione regionale dei Gal Pugliesi) e della volontà dell’assessore all’agricoltura, Leonardo Di Gioia, di aumentare le responsabilità dei Gal trasformandoli in vere Agenzie di Sviluppo Locale, questa iniziativa vuole essere una prima azione concreta che guarda alla costruzione di una rete di condivisione delle esperienze e delle conoscenze maturate dai Gal sia a beneficio dei flussi di lavoro interni ma anche per aumentare il senso di appartenenza al territorio e per diffondere la cultura della ruralità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Ceglie Messapica. Al San Raffaele positiva una fisioterapista. Altri in quarantena

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Cinque nuovi casi in provincia di Brindisi, nessuna persona deceduta

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Triage casi sospetti senza struttura d'attesa: ambulanze bloccate

Torna su
BrindisiReport è in caricamento