Come pulire la marmitta della moto

La bella stagione, il ritorno dei lunghi giri in moto, necessita di cure e attenzioni frequenti. Una di queste riguarda la pulizia costante degli scarichi: vediamo come eseguirla

Prima di addentrarci nella pulizia vera e propria della marmitta, è necessario che nel tuo garage non manchi l'occorrente

  • Guanti, stivali, mascherina, occhiali protettivi;
  • Chiavi e bussole per smontare la marmitta;
  • Carta vetrata da P80, pasta abrasiva, soda caustica;
  • Lucidante; 

Pulizia Esterna

Innanzitutto, sarà necessario smontare la marmitta, assicurandosi che il motore della moto sia freddo per non incorrere in scottature. Per lavorare più agevolmente, sarà necessario poggiare la moto su un fianco e quindi a terra, facendo molta attenzione a non graffiare la carrozzeria. Una volta smontata la marmitta, dovrete utilizzare la carta vetrata (a grana fine o doppia) per carteggiare tutto il corpo, senza esagerare perché l’ eccesso di pulizia può manomettere il corretto funzionamento della marmitta e causare danni collaterali, difficilmente riparabili.

Quando avrete terminato quest'operazione, non scordatevi di passare una buona mano di pasta abrasiva e, per prevenire la ruggine, una di trasparente lucido.

Pulizia Interna

Passiamo quindi alla pulizia interna, molto più difficile di quella esterna. Per eseguire una corretta pulizia interna della marmitta, necessaria a eliminare residui carboniosi dovuti al passaggio dei gas di scarico e del carburante, esistono due principali metodi:

  • la brace;
  • l’utilizzo di soda caustica.

Brace

Lontano da liquidi infiammabili e da case, vi consigliamo di accendere un piccolo falò con della legna secca ed attendere la formazione della brace. Legando saldamente la marmitta con dei fili di ferro, bisognerà adagiare sopra la brace il suo corpo, facendola riscaldare fino al momento in cui uscirà del fumo nero dal suo interno. Non preoccupatevi: è proprio questo il segnale che indicherà l’eliminazione dei residui carboniosi.

Soda Caustica

Un secondo metodo di pulizia richiede l'impiego della soda caustica, un acido molto aggressivo, per cui saranno necessarie grande cautela ed attenzione. Per prima cosa è indispensabile indossare dei guanti di gomma, degli occhiali protettivi, un paio di stivali ed una mascherina. Chiudere con un panno tutti i fori alle estremità della marmitta per evitare la fuoriuscita dei vapori che si sprigionano dal contatto della soda con l'acqua. Lasciare che la soda agisca per 15-20 minuti, poi risciacquare con del gasolio terminando così l'operazione di pulitura.

Potrebbe interessarti

  • Viaggiare comodi: i frigoriferi per l’auto

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • La Polstrada recupera auto rubata dopo un inseguimento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento