Corsi massacrati dai veicoli: è ora di ridiscutere sulla mobilità urbana

L'immagine è quella ricorrente. Quasi familiare. Non costituisce certamente una novità la presenza di operai sul corso di Brindisi, intenti a cercare di mettere a posto le tante basole dissestate, frantumate, massacrate dal rivelante numero di veicoli di ogni tipo e peso, che si lasciano transitare giornalmente sui corsi

Riparazione delle basole danneggiate dai veicoli in corso Garibaldi

BRINDISI - L’immagine è quella  ricorrente. Quasi familiare. Non costituisce certamente una novità la presenza di operai sul corso di Brindisi, intenti a cercare  di mettere a posto le tante basole dissestate, frantumate, massacrate dal rivelante  numero  di veicoli di ogni tipo e peso, che si lasciano transitare giornalmente sui corsi. Un costoso  sistema di rompi e ripara,  senza soluzione di continuità.  Quasi una catena di montaggio. Mentre da una parte si cerca di mettere a posto le tante basole danneggiate,   moltissimi  mezzi pesanti in transito provvedono  a danneggiare  tutte le altre  situate sui corsi.

Un pesante autocarro sul marciapidi di piazza Vittoria-2Una storia infinita, che si snoda nell’indifferenza di chi  ha la responsabilità e il dovere di intervenire ,  per evitare di sprecare il denaro dei cittadini, ma anche per impedire che possano verificarsi situazioni di rischio per la loro incolumità fisica. Naturalmente,  tutto il peso  economico dei lavori di ripristino, del risarcimento dei danni e di immagine, viene posto a carico dei cittadini e della città. Non si può certamente dire che avviene per caso, per colpa del destino, che non ci siano responsabilità.

A palazzo è noto a tutti che quelle  basole costituiscono un elemento di pregio architettonico, a destinazione prettamente  pedonale. Non in grado di sopportare  il peso delle automobili, meno che mai dei mezzi superiori a 35 quintali, senza subire danni rilevanti. Come sta accadendo. E’ anche noto che  è stato consentito il permesso al transito dei mezzi superiori a 35 quintali, subordinandolo però al versamento di un ticket, un pedaggio, quasi una licenza a danneggiare,  che nessuno ha mai pensato di riscuotere o verificarne il pagamento.

Un mezzo pesante di sera imbocca corso Umberto-2Siamo in presenza di un vero e proprio danno erariale  continuato. Uno  spreco di risorse economiche,  che dovrebbe impegnare l’amministrazione comunale a riconsiderare  i provvedimenti adottati negli anni scorsi,  ma anche a segnalare la situazione e la quantificazione complessiva del danno alla Corte dei Conti.

Ma questa può essere l’occasione per riflettere finalmente sul sistema attuale di mobilità,  accessibilità e di sosta nel centro storico o a servizio del centro storico, che mostra tutti i difetti di una mobilità urbana praticata in affanno,  al costante inseguimento dei problemi,  con un  approccio disorganico, sperimentale, che non è mai riuscito a superare  l’egoismo delle personali convinzioni del responsabile di turno, a penetrare la complessità della materia, a confrontarsi con il territorio, con l’ambiente, con l’urbanistica, con la sicurezza, con i tempi, le abitudini, il ritmo  della città, ma, essenzialmente, con la vita della persone.

Lavori sul basolato in corso Garibaldi 2-2Questi sono i ritardi e  le difficoltà su cui si deve misurare con urgenza la città, procedendo alla elaborazione  di quei piani  di traffico, di mobilità e di sosta, di cui si sente la mancanza da tempo e che vanno poi  messi in pratica, realizzati e non fatti ammuffire  nei cassetti delle scrivanie, funzionali solo a liquidare i  rilevanti costi di progettazione, come purtroppo è accaduto in passato. Con i risultati e i problemi che sono giornalmente sotto gli occhi di tutti.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

  • Cellino San Marco. Una nuova tenda pneumatica per la Croce Rossa di Puglia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento