Brigante-Rollo, scontro su ordine del giorno

BRINDISI – I consiglieri regionali brindisini Giovanni Brigante e Marcello Rollo sono ormai distanti anni luce: su posizioni contrapposte sulla questione del doppio incarico di Rollo (presidente Asi e consigliere regionale), i due sono protagonisti di un episodio denunciato dall’esponente di “La Puglia per Vendola”, la cui firma sarebbe scomparsa da un ordine del giorno sulla “Santa Teresa”.

Giovanni Brigante

BRINDISI – I consiglieri regionali brindisini Giovanni Brigante e Marcello Rollo sono ormai distanti anni luce: su posizioni contrapposte sulla questione del doppio incarico di Rollo (presidente Asi e consigliere regionale), i due sono protagonisti di un episodio denunciato dall’esponente di “La Puglia per Vendola”, la cui firma sarebbe scomparsa da un ordine del giorno sulla “Santa Teresa”.

«In riferimento alle notizie riportate dagli organi di stampa in data 2 agosto, riferite alla presentazione di un ordine del giorno finalizzato a risolvere la problematica occupazionale della società in-house brindisina, firmato da tutti i consiglieri regionali brindisini tra i quali non appare inspiegabilmente il suo nome, il consigliere regionale Giovanni Brigante tiene a precisare quanto segue: il consigliere regionale pro-tempore Marcello Rollo, supportato dalle firme di tutti i consiglieri regionali brindisini, con esclusione dello scrivente che si era rifiutato di aderire ad un provvedimento privo di ogni logica, aveva presentato un emendamento che mirava ad attribuire la somma di 400 mila euro alla Provincia di brindisi nella prospettiva di finanziare ipotetiche indagini ambientali da affidare alla “Santa Teresa”. L’emendamento è stato rispedito al mittente come irricevibile, in quanto come è noto (o dovrebbe esserlo ai consiglieri regionali) l’unico ente in Puglia che possiede i requisiti per tali attività è l’Arpa».

L’ordine del giorno di cui invece è stata data notizia, che allarga la soluzione della problematica specifica a tutte le società in-house regionali «e privo del demagogico campanilismo dell’emendamento bocciato, è stato invece prontamente firmato dal sottoscritto su invito del capogruppo Pd alla Regione, Giuseppe Romano, unitamente a tutti gli altri consiglieri regionali brindisini».

L'odg si può consultare all'indirizzo:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

http://www2.consiglio.puglia.it/Giss9/9PubbGiss.nsf/0/1D60482532694A54C1257BBA00319EBD?OpenDocument

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento