Castello di Ceglie in condizioni critiche, D'Attis: "Intervenga il Governo"

Depositata interrogazione al ministro dei Beni culturali per chiedere se il ministero è intenzionato a stanziare la cifra necessaria alla messa in sicurezza

CEGLIE MESSAPICA - “La torre del castello ducale di Ceglie Messapica è pericolante. Se la Regione fa orecchi da mercante e mette a disposizione una cifra irrisoria e quasi offensiva è necessario che a farsi carico dei lavori di messa in sicurezza sia lo Stato, a tutela del patrimonio storico e culturale di Ceglie Messapica e dell’incolumità dei cittadini”. Commenta così il deputato di Forza Italia Mauro D’Attis le condizioni critiche in cui versa il castello ducale di Ceglie Messapica. L'ex vicesindaco Mauro D'Attis

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ho raccolto l’appello lanciato dal sindaco Caroli e stamani ho depositato un’interrogazione al ministro dei Beni culturali per sottoporgli la questione e chiedere se il ministero è intenzionato a stanziare la cifra necessaria alla messa in sicurezza e alla conservazione del castello ducale di Ceglie Messapica. Il progetto esecutivo è già pronto, ma i costi sono elevatissimi ed è necessario un contributo esterno. Di fronte alla richiesta di un contributo risalente a un anno fa l’amministrazione regionale se ne è lavata le mani stanziando appena 50mila euro. Con questa interrogazione voglio porre all’attenzione del governo la situazione critica del castello e sollecitare un contributo economico che, assieme a quello del Comune, permetta per la realizzazione dei lavori per mettere in sicurezza il simbolo di Ceglie Messapica”, conclude D’Attis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Tenta rapina in rivendita di pane, il titolare reagisce e lei fugge: denunciata

  • San Vito dei Normanni. Carabiniere fuori servizio blocca corsa clandestina, due giovani denunciati

Torna su
BrindisiReport è in caricamento