Tar su quote rosa: sì a sospensiva

ORIA – Controversia sulle quote rosa. Il Tar, recependo l’istanza in appello, dice sì alla sospensiva. Nella mattinata di ieri, i Giudici della Sezione di Lecce del Tribunale amministrativo regionale - chiamati a discutere sulla richiesta di "ordinanza cautelare" (sospensiva) oggetto del ricorso presentato da alcune donne di Oria e da Serenella Molendini, Consigliera Regionale alle Pari Opportunità, contro la decisione del sindaco di Oria di non nominare nessuna donna in Giunta - hanno infatti accolto la richiesta di sospensiva.

La sede del Tar di Lecce

ORIA – Controversia sulle quote rosa. Il Tar, recependo l’istanza in appello, dice sì alla sospensiva. Nella mattinata di ieri, i Giudici della Sezione di Lecce del Tribunale amministrativo regionale - chiamati a discutere sulla richiesta di "ordinanza cautelare" (sospensiva) oggetto del  ricorso presentato da alcune donne di Oria e da Serenella Molendini, Consigliera Regionale alle Pari Opportunità, contro la decisione del sindaco di Oria di non nominare nessuna  donna in Giunta - hanno infatti accolto la richiesta di sospensiva.

In attesa che il ricorso venga discusso nel merito, esulta Franco Arpa, ex candidato sindaco e coordinatore del movimento “Pilu” (Persone indipendenti e libere unite), che per primo aveva denunciato l’assenza di donne nella compagine amministrativa oritana, preannunciando il ricorso all'indomani della costituzione della Giunta da parte del sindaco, Cosimo Pomarico.

“In attesa di leggere il contenuto di detto provvedimento collegiale ringrazio pubblicamente la dottoressa Serenella Molendini per aver sposato la causa delle tre donne oritane che hanno avuto il coraggio di esporsi personalmente sottoscrivendo il ricorso, pur nella consapevolezza di poter scatenare becere reazioni da parte di qualche interessato. Basti pensare che nella memoria difensiva dell'attuale Giunta è evidenziato che le tre ricorrenti oritane non potevano essere nominate assessori in quanto oltre a non essersi proposte, avevano una palesata incompatibilità politica ed una totale carenza di rapporto fiduciario, essendosi apertamente espresse negativamente in campagna elettorale su diversi blog nei confronti del sindaco e degli altri componenti della coalizione.  Parole che non meritano nessun commento”.

Lo stesso Arpa rivolge un ringraziamento particolare all'avvocato Carlo Caniglia: “Per l'alta professionalità, per l'impegno profuso nello studio della problematica e per l'intensa attività di ricerca che gli ha consentito di ottenere questo primo risultato, aspettando che il ricorso venga discusso nel merito”.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • La Polstrada recupera auto rubata dopo un inseguimento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento