"Organico Utic sotto stress. Eppure i Nas avevano prescritto adeguamenti"

Interviene sulla situazione il segretario della Funzione Pubblica Cgil di Brindisi, Pancrazio Tedesco

BRINDISI – Riceviamo e pubblichiamo un intervento del segretario generale del sindacato Funzione Pubblica della Cgil per la provincia di Brindisi, Pancrazio Tedesco, sulle criticità in cui opera il personale dell’Unità di terapia intensiva coronarica dell’ospedale Perrino.

La corda è stata tirata troppo: si parla sempre di risparmi sul personale, di conti come ragionieri e di tagli lineari che colpiscono soprattutto le politiche del personale con organici ormai ridotti all’osso; per non parlare del riordino ospedaliero, già di per sé penalizzante per la nostra provincia che ci relega agli ultimi posti insieme alla Asl Bat nel rapporto posti letto - abitanti di cui si avrà modo di parlare prossimamente con dovizia e analisi di merito, atteso che la direzione generale ha inteso sostanzialmente applicarlo solo nella parte in cui erano previste dismissioni eludendo di attivare circa 130 posti letto.

Purtroppo il nostro sistema sanitario deve fare i conti anche con una gestione complessiva del sistema sanitario inadeguata e non rispettosa nemmeno delle autorità competenti. Nello specifico si fa riferimento alla Unità Operativa Cardiologia - Utic del “Perrino” di Brindisi in cui, nonostante il grande impegno e professionalità dimostrata negli anni da parte di tutto il personale ivi addetto, persistono ancora le gravi criticità già denunciate reiteratamente dalla Fp Cgil e dagli stessi lavoratori.

pancrazio tedesco-2

Ed è proprio questo il punto: la problematica non veniva solo denunciata dal sindacato e dai lavoratori ma trovava riscontro nei fatti grazie all’ispezione - controllo avvenuto da parte dei Nas di Taranto presso tale Unità Operativa, i quali prescrivevano un incremento di personale,  non per rendere agevole la gestione dei pazienti, bensì per assicurare i livelli minimi di assistenza e la sicurezza dei pazienti e dei lavoratori! Gli stessi “consigliavano” anche di osservare un indicatore di riferimento, ovvero il rapporto numero di personale - pazienti ricoverati, per rendere congrua la dotazione organica.

Risultato? Un silenzio assordante da parte della Asl Br, nessuna prescrizione osservata ed anzi la situazione lavorativa nella Unità operativa in questione è peggiorata in termini di carichi di lavoro e sicurezza dei pazienti. Inoltre, siamo in presenza di una grave delegittimazione del sindacato e dei lavoratori che cercano di essere costruttivi per migliorare il sistema sanitario, ma soprattutto delle istituzioni preposte, i Nas in questo caso, che avevano stilato un verbale, frutto di uno studio analitico, per custodire il rispetto dei Lea e per far lavorare in sicurezza i lavoratori.

Il modulo Utic, tanto per essere chiari, è omologato per accogliere massimo 8 posti letto (il nuovo piano di riordino prevede 12 posti letto, considerata anche la condizione di forte criticità dei pazienti che vi accedono, ma contrariamente ad ogni disposizione normativo-logistica gli accessi quotidiani spesso superano il doppio della copertura prevista. Probabilmente a qualcuno non è chiaro che lavorare in condizioni di perenne precarietà genera nel personale uno stress da lavoro correlato che mina la serenità e la salute degli addetti, ma soprattutto acuisce il problema del rischio clinico.

Le criticità nella Uoc Cardiologia - Utic, in cui sono incardinate le attività ambulatoriali, il reparto, l’emodinamica e l’Utic, debbono avere risposte immediate ed efficaci. Il tempo dell’attesa è finito, i cittadini utenti non meritano un siffatto sistema sanitario. La Fp Cgil è pronta alla mobilitazione. Delle due l’una: o si è all’altezza della sfida e lo si dimostra con atti concreti, oppure che ognuno ne tragga le opportune conseguenze!

                                                                                  

Potrebbe interessarti

  • L’albicocca, antico frutto della fertilità

  • Come riparare le piante dal caldo estivo e dal sole

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Fai da te, barbecue in muratura: come realizzarlo

I più letti della settimana

  • Accoltellamento mortale dopo furibonda lite tra consuoceri

  • Vino sofisticato: undici arresti e quattro cantine sequestrate

  • Altri temporali in arrivo, l'allerta meteo passa ad arancione sulla costa

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • Fuochi d'artificio al matrimonio: colpito al volto, perde un occhio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento