Diffusione della legalità, un giorno in caserma per studenti di Carovigno

Presso la compagnia di San Vito visita degli scolari della classe quinta dell’Istituto comprensivo “Nicola Brandi S. Morelli” di Carovigno

SAN VITO DEI NORMANNI - I carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni, nell’ambito del progetto per la “diffusione della cultura della legalità”, hanno ricevuto la visita degli scolari della classe quinta dell’Istituto comprensivo “Nicola Brandi S. Morelli” di Carovigno. L’incontro che ha visto la presenza di 25 scolari oltre agli insegnanti, ha suscitato vivo interesse tra i partecipanti che hanno formulato domande, richieste e curiosità al comandante della compagnia Capitano Antonio Corvino.

Nel corso della visita il capitano ha illustrato l’azione eroica e la figura del carabiniere ausiliario Angelo Petracca, al quale è stata intitolata la caserma di San Vito dei Normanni. Il giovane carabiniere venne barbaramente ucciso dai rapinatori il 22 settembre 1990, quando libero dal servizio era intervenuto presso una banca di Ceglie Messapica dove era in corso una rapina. Successivamente i ragazzi hanno avuto modo di ammirare e toccare con mano le autovetture e le motociclette impiegate giornalmente nei servizi istituzionali.

Infine hanno potuto constatare l’attività degli operatori nella centrale operativa dove vengono raccolte tutte le richieste di aiuto che pervengono dai cittadini in difficoltà. La visita ha suscitato negli studenti grande entusiasmo e partecipazione, al termine della quale, sui gradini della caserma, è stata scattata la foto in ricordo di una giornata speciale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento