"Laurea in Scienze della Formazione? Discriminati in graduatoria"

Riceviamo e pubblichiamo integralmente un documento-appello dei docenti laureati o laureandi in Scienze della Formazione che protestano per le discriminazioni che subiscono nelle graduatorie ministeriali

Riceviamo e pubblichiamo integralmente un documento-appello dei docenti laureati o laureandi in Scienze della Formazione che protestano per le discriminazioni che subiscono nelle graduatorie ministeriali

Gentile redazione, con la presente lettera i docenti laureati e laureandi in Scienze della Formazione Primaria (Nuovo Ordinamento), vogliono offrire uno spaccato sulle attuali modalità di formazione dei docenti di scuola primaria e dell’infanzia, e di come il loro futuro stia per essere compromesso da una situazione di mala gestione politica in ambito di gestione del precariato.

Nel 2002, dopo anni di dibattiti, i nostri politici decisero che, per insegnare nella Scuola dell’Infanzia e nella Scuola Primaria (la vecchia scuola materna e la scuola elementare), non fosse più sufficiente il diploma magistrale e fu, dunque, istituito un corso di laurea preposto esclusivamente alla formazione dei nuovi insegnanti, che coniugasse l'attività pratica alle ultime conoscenze teoriche in ambito didattico e pedagogico.

Dopo più di dieci anni e migliaia di ricorsi giudiziari i diplomati magistrali entro l'anno 2001/2002, hanno ottenuto il riconoscimento del proprio diploma magistrale come titolo abilitante all’insegnamento, portando, di fatto, ad una totale equiparazione tra laurea e diploma.

Ma le richieste dei diplomati magistrali non si sono fermate qui e, sempre tramite battaglie legali, stanno ottenendo l’inserimento (seppure ancora con riserva) nelle GAE, graduatorie che concedono il ruolo immediato, senza sottoporsi a selezione alcuna, beffando sia chi ha conseguito la laurea in Scienze della Formazione Primaria, sia chi, con il diploma magistrale si era sottoposto negli anni passati a concorso pubblico per ottenere il ruolo.

Noi laureati in SFP siamo docenti formati e selezionati da un percorso serio arricchito da esami inerenti la didattica speciale, le T.I.C., e abilitazione all’insegnamento della lingua inglese (LIVELLO B2). Insieme allo studio abbiamo svolto 4 anni di tirocinio presso scuole accreditate, riuscendo a metterci alla prova sul campo.

LA LEGGE DEVE ESSERE UGUALE PER TUTTI!

L’ingresso nelle GAE dei diplomati magistrali non si è fermato ai soli docenti che avevano (all’atto del ricorso) già prestato servizio nella scuola, ma sta riguardando una miriade di persone che si sono abilitate col diploma anche venti o trenta anni fa (basta osservare le date di nascita nelle GAE) e che hanno svolto lavori in ambiti completamenti differenti.

Certo, ci sono casi e casi: moltissimi diplomati magistrali, in questi anni, hanno accettato supplenze in tutta Italia, portando così avanti il sistema scolastico nazionale. Loro hanno sicuramente acquisito negli anni quelle competenze necessarie per affrontare il mestiere dell'insegnante e vanno dunque distinti da chi, fino a ieri, faceva tutt’altro ed ha riscoperto, solo quando l'abilitazione gli è stata letteralmente servita su un piatto d'argento, l’antica vocazione per l'insegnamento!

Se la plenaria del 15 Novembre avrà esito positivo per tutti i diplomati magistrali ante 2001/2002 si creerà un precedente mai visto: “Per la prima volta una laurea avrà meno valore di un diploma”. Accadrà così che i laureati in Scienze della Formazione Primaria rimarranno relegati nella seconda fascia delle Graduatorie d’Istituto, in attesa di nuovi concorsi.

Inoltre per quanto concerne le supplenze i diplomati magistrali inseriti con ricorso in prima fascia (GAE) verranno convocati con precedenza rispetto ai laureati, a cui attualmente è precluso l’accesso nelle graduatorie ad esaurimento, rimanendo così questi ultimi in totale subordine rispetto ad un diplomato. Più formazione e selezione solamente in Italia significano minori opportunità lavorative!

Infine precisiamo che noi laureati in SFP non chiediamo agevolazioni, il nostro auspicio è solo quello di poter combattere ad armi pari attraverso un concorso pubblico o un qualsiasi altro canale di reclutamento che valuti il merito. Confidiamo ora nel Consiglio di Stato, in Adunanza Plenaria, sperando che il prossimo 15 novembre venga fatta giustizia per tutti, principalmente per la scuola. (Il Coordinamento Nazionale di Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento - coordinamento.sfp@gmail.com)

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

I più letti della settimana

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • La Polstrada recupera auto rubata dopo un inseguimento

  • Auto si ribalta sulla superstrada: illesi tre giovani brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento