Visita tattile alla mostra "Arte Liberata" di Brindisi

 “Arte in tutti i sensi. Visita tattile alla mostra Arte Liberata. Dal sequestro al Museo”. Organizzata da Anisa

BRINDISI - Sabato 6 aprile, a partire dalle ore 10, si svolgerà l’iniziativa “Arte in tutti i sensi. Visita tattile alla mostra Arte Liberata. Dal sequestro al Museo”, a cura di Anisa (Associazione nazionale insegnanti di storia dell'Arte), per l’educazione all’arte in collaborazione con l’Unione ciechi di Brindisi, il liceo artistico “Edgardo Simone” e il Pat con il patrocinio della Città di Brindisi. La partecipazione è riservata agli aderenti all’Unione ciechi italiana e ai soci Anisa.

L’iniziativa, curata da Giovanna Bozzi, segretaria nazionale Anisa e Chiarastella Grande, della sezione Anisa di Brindisi e Lecce, entrambe docenti del Liceo Artistico “E. Simone”, intende promuovere l’accessibilità dei Beni Culturali e in particolare dell’arte contemporanea. Con il coinvolgimento dei ragazzi del Liceo Artistico “E. Simone”, è diventata una straordinaria occasione per avvicinare i giovani all’arte del nostro tempo, superare la superficialità dello sguardo veloce e nello stesso tempo ha consentito di sviluppare, con i docenti di Storia dell’arte, di Storia, di Italiano, di Diritto e di Discipline Grafiche, un percorso interdisciplinare di cittadinanza e costituzione in linea con le recenti direttive del Miur.

L’esposizione, di grande rilevanza civile e artistica, che la città di Brindisi ha potuto accogliere grazie alla sensibilità dell’Amministrazione comunale, diventerà per qualche ora una palestra per un confronto sui linguaggi dell’arte contemporanea, che saranno esplorati non solo con la vista, ma soprattutto attraverso l’approccio tattile e la narrazione, secondo le modalità stabilite dal Mibac. L’iniziativa è infatti resa possibile dall’individuazione di un nucleo di opere fruibili dalle persone non vedenti attraverso l’approccio tattile da parte della curatrice Beatrice Bentivoglio–Ravasio del Segretariato regionale del Mibac per la Lombardia, autore della mostra insieme con l’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

L’attività prosegue l’impegno di Anisaper la formazione dei docenti e la formazione di cittadini attivi attraverso l’esperienza e lo studio dell’arte e del Patrimonio culturale iniziato con l’incontro di approfondimento sulla mostra “Arte Liberata. Dal Sequestro al Museo” del 18 gennaio scorso e si inserisce nell’ambito consolidata collaborazione tra Anisa, l’Unione italiana Ciechi, il Liceo Artistico “E. Simone” e l’associazione “Le Colonne” sviluppata in occasione del progetto “Museo Per Tutti”, vincitore del Concorso Miur per progetti didattici nelle scuole nel 2016 dell’Iiss “Marzolla Leo Simone Durano”, che ha previsto una giornata di formazione per i docenti per l’accessibilità dell’arte in collaborazione con il Museo Tattile Omero di Ancona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per maggiori informazioni: www.anisa.it. e 3487288029 (prof.ssa Giovanna Bozzi, Segretaria Nazionale ANISA) Brindisi, 4 aprile 2019

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento