Vittime innocenti della mafia, incontro con la figlia del giudice Scopelliti

L’assassinio del giudice calabrese Antonino Scopelliti è una delle vicende più significative della lotta fra Stato e criminalità organizzata nel nostro Paese

MESAGNE - L’assassinio del giudice calabrese Antonino Scopelliti è una delle vicende più significative della lotta fra Stato e criminalità organizzata nel nostro Paese. Domani, martedì 27 novembre, una delle testimoni dirette di quel tragico evento la figlia Rosanna, già Parlamentare della Repubblica, sarà a Mesagne per testimoniare ai giovani studenti l’impegno civile di cui si è resa interprete da quel drammatico fatto.

L’incontro è stato pensato dalla direzione scolastica del liceo mesagnese e si terrà nell’auditorium dello stesso Istituto (in via Eschilo) con inizio previsto alle ore 11. Il tema che farà da guida all’incontro è «Vittime innocenti della mafia».

«Il giudice – disse Antonino Scopelliti - è solo, solo con le menzogne cui ha creduto, le verità che gli sono sfuggite, solo con la fede cui si è spesso aggrappato come naufrago, solo con il pianto di un innocente e con la perfidia e la protervia dei malvagi. Ma il buon giudice, nella sua solitudine, deve essere libero, onesto e coraggioso».

Potrebbe interessarti

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Farmaci generici e farmaci di marca: sono uguali?

  • Come organizzare una cena a buffet a casa

I più letti della settimana

  • Tir si ribalta, poi tamponamento a catena: doppio incidente sulla statale

  • Frattura il naso e lo zigomo alla fidanzata, soccorsa da automobilista

  • Chiuso sulla costa ristorante avviato senza autorizzazione comunale

  • Brindisi Multiservizi: ecco la graduatoria degli idonei all'assunzione

  • Tamponamento sulla superstrada: tre feriti, anche una bambina. Auto distrutte

  • Arriva l'ondata di caldo: ci salverà in parte il maestrale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento