Bomba, App di un brindisino emigrato a Londra dopo la laurea

L'invenzione di Valerio Leo, basta inserire l'indirizzo per sapere se si rientra nella zona di evacuazione. In caso contrario: "Stai scuscitato”

Valerio Leo

BRINDISI – Un’applicazione per consultare la mappa delle strade di Brindisi che dovranno essere evacuate il 15 dicembre prossimo, in occasione del disinnesco dell’ordigno bellico, e di quelle che non rientrano nel raggio da liberare. L’invenzione è di un giovane laureato di Brindisi, Valerio Leo, che nel suo piccolo ha voluto dare il proprio contributo in vista del giorno “x”.

evacuazione app-3

L’idea del brindisino

Leo (nella foto), 29 anni, imprenditore informatico, vive a Londra da due anni e mezzo. “Ci sono arrivato per caso, per una serie di coincidenze dopo la laurea in Scienze gastronomiche. E qui sono rimasto perché Londra è una realtà completamente diversa: funziona, investe in tecnologia e offre concrete opportunità lavorative”, racconta. “Per me è stato come arrivare a Disneyland”. Risultato: non ha intenzione di lasciare il Regno Unito. Cervello in fuga, si dice in questi casi.

A Londra nei ritagli di tempo dal lavoro, ha pensato a un’applicazione in grado di dare risposte immediate ai brindisini che fra due settimane saranno alle prese con un piano di evacuazione dai numeri formato maxi. Quasi 54mila peronse. “Ho visto il post pubblicato dal sindaco Riccardo Rossi sulla sua pagina Facebook e una cartina con il cerchio rosso. Mi sono messo nei panni di chi è a Brindisi e non ha ancora capito se deve lasciare la propria abitazione. La domanda di questi giorni credo sia una: devo andar via o meno da casa il 15 dicembre? Ecco, ho voluto dare una mano con l’ausilio della tecnologia”. In due ore o poco più ha realizzato la App. Ovviamente a sue spese (i costi sono quelli per utilizzare i server google maps).

app evacuazione-3

La App

E’ di facile consultazione, essendo a portata  di smartphone: basta cliccare sul seguente link https://brindisi-piano-evacuazione.web.app/, si aprirà una finestra nella quale sarà possibile inserire l’indirizzo che interessa, ossia la strada in cui si risiede con il numero civico, per capire se rientra o meno nelle zone che dovranno essere evacuate, tra le 5 e le 8 del 15 dicembre, stando a quanto previsto nel piano messo a punto da Comune di Brindisi, d’intesa con la Prefettura.

La risposta è immediata: la App, tenuto conto della piantina sulla quale è disegnato il perimetro di 1.617 metri dal cinema Multisala, lì dove è stata trovata la bomba, indicherà se la strada è nell’elenco di quelle da evacuare o meno.

Nel caso in cui si tratti di via da evacuare, verranno indicati i metri di distanza dall’ordigno e i punti di accoglienza più vicini (con relative distanze). Qualora, invece, l’indirizzo digitato non corrisponde ad alcuna delle strade inserite nell’elenco da evacuare, comparirà la scritta con indicazione della distanza e la frase in brindisino: “Stai scuscitato”. Vale a dire, non ti preoccupare. E’ preceduta dalla emoji che raffigura una bottiglia“Spero sia d’aiuto”, dice Valerio Leo. “Ovviamente l'esperimento vuole solo dimostrare che è possibile creare qualcosa di divertente e allo stesso tempo utile, ma non vuole mai sostituirsi alle fonti ufficiali", precisa. "Il sito è opensourced quindi ogni altro sviluppatore può verificarlo e riutilizzare il codice sorgente gratuitamente per copiarlo o modificarlo. designers, cittadini e autorità possono migliorarlo con nuove idee/correzioni".

L’evacuazione

La App non costituisce in alcun modo le indicazioni e le comunicazioni ufficiali, quelle che saranno diramate dalla stessa Amministrazione cittadina, dalla Prefettura ed eventualmente dalle forze dell’ordine. Restano, infatti, le uniche fonti da prendere in esame per organizzare la mattinata del 15 dicembre.

L’elenco delle strade con annesso numero dei residenti che dovranno evacuare è nel file in pdf disponibile sul sito internet del Comune di Brindisi. Guardando la cartina della città, restano esclusi dall’evacuazione quanti risiedono nei quartieri Paradiso, Sant’Elia zona ovest, Casale, La Rosa, Materdomini, una porzione del rione Cappuccini e la frazione di Tuturano.

Complessivamente, l’evacuazione interessa 53.669 brindisini. Numero record per stessa ammissione del comandante della Polizia locale, Antonio Orefice, al quale il sindaco Riccardo Rossi ha affidato la gestione della Protezione civile. In Italia, dal Dopoguerra ad oggi, non è ma stata disposta un'evacuazione per così tante persone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento