Guarda chi si vede: Marco van Basten tra golf e cene con gli amici

A Savelletri prima la partita sul green con Donadoni e Tassotti, poi a sera al ristorante sul porto. E oggi a pranzo alle Sciabiche, a Brindisi

Rimpatriata di vecchie glorie milaniste tra Savelletri e Brindisi, dove a raggiungere Roberto Donadoni e Mauro Tassotti è arrivato nientemeno che Marco van Basten. Insomma, centrocampo, difesa e attacco rossonero dell’epoca d’oro riuniti su un prato, ma non di un campo di calcio bensì quello del San Domenico Golf, di cui Donadoni è assiduo frequentatore (una delle ragioni per cui anni addietro ha messo casa dalle nostre parti, acquistando e ristrutturando anni fa una masseria a Savelletri).

Marco Van Basten al San Domenico Golf di Savelletri con Donadoni e Tassotti-2

Le foto postate su Instagram dal fortissimo centroavanti olandese, campione europeo con la sua nazionale, due Coppe dei Campioni col Milan, più volte Pallone d’Oro e direttore del settore sviluppo tecnico della Fifa sino alle dimissioni dello scorso anno, Marco van Basten, Marcel all’anagrafe, a partire da ieri hanno iniettato una flebo di orgoglio nelle vene dei tifosi locali, rassegnati a una stagione senza Europa.

Marco van Basten con il supertifoso milanista brindisino Luciano tedesco-2

Van Basten ieri 9 luglio ha passato la giornata sul green di Savelletri, poi la sera cena in un ristorante della principale frazione marinara di Fasano. Oggi puntata a Brindisi, per un pranzo alla “Nassa”, un ristorante di pesce dello storico rione Sciabiche con affaccio sul Seno di Ponente. Qui lo ha intercettato Luciano Tedesco, in rappresentanza del Milan Club di Brindisi, per un selfie di rito (nella foto sopra) e un “forza Milan” finale. Correttezza vuole che l’autore di questo breve articolo riveli di tifare per l’Inter. Ma davanti a Marco van Basten non può che prevalere il riconoscimento dell’indiscusso valore sportivo.

Van Basten a pranzo alla Nassa, a Brindisi-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ex centroavanti olandese ha chiuso la carriera di calciatore nel 1995 (è comunque in perfetta forma), e come già detto ha lasciato nel 2018 anche l'incarico dirigenziale nella Fifa, ufficialmente per dedicare più tempo alla propria famiglia, che risiede ad Amsterdam. Considerando che a Fasano c'è una delle più importanti colonie olandesi della Puglia, se non la più importante, può darsi che la presenza del "cigno di Utrecht" non sia solo legata alla visita agli ex compagni di squadra. Forse si sta guardando davvero intorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

Torna su
BrindisiReport è in caricamento