Football Brindisi, un capitano di 18 anni e parecchi soldi da trovare

BRINDISI – Una giornata di meritato riposo per i ragazzini del Football Brindisi che ieri hanno compiuto l’impresa di andare a vincere a Campobasso. Si ritorna domani al lavoro per affrontare domenica prossima un’altra trasferta. Si va a giocare contro la Vigor Lamezia. Bissare il successo sarebbe fantastico. I ragazzi ci proveranno. L’allenatore Massimo Rastelli lo spera. Anche se non è questo, al momento il problema principale. Tanto, senza play out e con una sola squadra che scende in Interregionale, il Brindisi non corre alcun pericolo.

Il presidente Pupino a colloquio con i tifosi alcune settimane fa

BRINDISI – Una giornata di meritato riposo per i ragazzini del Football Brindisi che ieri hanno compiuto l’impresa di andare a vincere a Campobasso. Si ritorna domani al lavoro per affrontare domenica prossima un’altra trasferta. Si va a giocare contro la Vigor Lamezia. Bissare il successo sarebbe fantastico. I ragazzi ci proveranno. L’allenatore Massimo Rastelli lo spera. Anche se non è questo, al momento il problema principale. Tanto, senza play out e con una sola squadra che scende in Interregionale, il Brindisi non corre alcun pericolo.

Il problema grave è un altro. Che accadrà dopo? La situazione economica è nota a tutti. Ci sono un bel mucchietto di debiti che l’attuale presidente Antonio Pupino non sa come fronteggiare. Sperava in un aiuto dal sindaco Domenico Mennitti. Ma allo stato pare che non sia emerso nulla di confortante dall’incontro che Pupino ha avuto con Mennitti.  Si rivedranno nei prossimi giorni. Nel frattempo il debito aumenta e aumenteranno i deferimenti e i punti di penalizzazione.

Ma torniamo alla gara di ieri. Rastelli si è complimentato con i giocatori. La stessa cosa ha fatto il presidente Pupino. Eccellente la prestazione di Caravaglio, appena diciottenne, capitano della squadra. Un giocatore che di strada ne farà di sicuro. “I ragazzi – dice Rastelli – sanno di avere qualità. Sanno anche di dover lavorare molto e correre tanto per tradurre queste loro qualità in risultati”. “Posso affermare senza ombra di dubbio – prosegue Rastelli – Che abbiamo imboccato la strada giusta. E’ evidente che i problemi societari non ci favoriscono e quando saranno risolti sarà meglio per tutti”.

I giocatori stanno tutti bene. Solo qualche ammaccatura. Tundo, in particolare, è uscito dolorante. Ma non dovrebbe essere nulla di grave. Domani, dunque, si ricomincia a lavorare. Appuntamento al Fanuzzi alle 14,30. Ci saranno anche i tifosi per complimentarsi con questi ragazzi. Questa, almeno, era l’intenzione. I tifosi vogliono stare vicini a questi ragazzi, sostenerli, spingerli verso altri successi. Anche se la loro preoccupazione principale è il futuro della squadra.

Oggi scade il termine per il deposito in Lega degli attestati di avvenuti pagamenti di Irpef, Enpals e stipendi. Come si diceva, sembra improbabile che Pupino possa essere riuscito a mettere assieme la somma necessaria per far fronte a questi pagamenti ed evitare nuovi deferimenti. Si vedrà nei prossimi giorni cosa accadrà. Le prospettive non sono per niente incoraggianti. Ma tutti sperano che il Football Brindisi possa schierarsi, anche nel prossimo campionato, in Seconda divisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

  • Scu e gioco d'azzardo: arresti e sequestri sull'asse Lecce-Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento