Se ne va a 87 anni “Mestru Mimino”, il re dei maniscalchi

Si è spento lo scorso 21 dicembre Cosimo Suma. Il ricordo del presidente del Circolo ippico di Mitrano

Ed è solo quando ci si dedica interamente alla propria passione nella vita che si può essere così orgogliosi e ricchi dentro la propria anima, ritenendosi ,talvolta, soddisfatto per il tuo vissuto. 

C'è chi di questa passione ne è riuscita a farne un lavoro, portando avanti una delle più importanti figure tra gli artigiani, ad oggi quasi scomparsa dalla realtà italiana giovanile, rimanendo soltanto un ricordo tra i più cari anziani. E' il mestiere del maniscalco o meglio riconosciuto nel linguaggio quotidiano come il “ ferra cavalli” . Nel nostro territorio, ma anche nelle provincie, viene certamente ricordata la figura di “Mestru Mimino”, Cosimo Suma, che nell'arco della sua carriera, come enunciava spesso con orgoglio, può vantare di essere stato  l'unico maniscalco in attività nella regione Puglia in alcuni anni. 

Ha sempre raccontato la sua vita con una certo luccichio negli occhi azzurri, una voce tremante e un sorriso volto a dimostrare le grandi soddisfazioni ricevute.  La sua passione, ricordava sempre, è stata alimentata e scoperta all'età di soli tre anni, quando salì in groppa ad un asinello con il desiderio di non scendere più e un sogno che giorno dopo giorno cominciava a prendere forma. All'età di sei anni si accinge a vivere nel mondo della mascalcia.

Dopo aver terminato il servizio di leva, nel 1953 si trasferisce a Brindisi dalla sua città natale San Michele Salentino, per aprire una delle sue prime botteghe in via Bastioni San Giacomo, che lo portò ad essere celebre e punto di riferimento nel campo equestre. 

All'epoca, come ben sappiamo, il cavallo era il mezzo di trasporto più utilizzato, e nonostante l'avvento della Fiat, il lavoro cresceva e Mestru Mimino, come ha sempre ricordato con un gran sorriso, non si sottraeva mai anche solo per un fiasco d'olio o una bottiglia di vino come ricompensa.  Ha più volte dichiarato che una volta quando i cavalli stavano male, lo chiamavano anche di notte per soccorrerli, precipitandosi all'istante proprio come segno della sua dichiarazione d'amore più grande per quell'animale.

Ha continuato a svolgere l'attività di maniscalco fino a qualche anno fa, soprattutto nello storico e ad oggi ancora presente “Circolo Ippico Mitrano” affianco al presidente Francesco Ragione. Ed è proprio in quel maneggio che ha avuto la grande soddisfazione nel vedere sua nipote Elena  a cavallo, rivedendo nella sua figura se stesso da giovane. 

Come ogni storia anche la sua ha avuto una fine all'età di 87 anni, portati ancora con l'aria da giovanotto che sfoggiava in ogni occasione. 
Ha lasciato famiglia, parenti e amici nel campo dell’equitazione, il 21 dicembre 2016, procurando  grande dolore e un vuoto in ognuno di loro.
Si dice che “l'amore è l'anima e l'anima non muore mai”; ed è questa la frase che sicuramente ci porterà ancora a sentire la presenza, dopo una vita degna di essere vissuta, della persona speciale di Cosimo Suma. " 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      "Differenziata troppo bassa: arriva nuova stangata con l'Ecotassa"

    • Cronaca

      Operaio schiacciato da pressa per rifiuti: un indagato per omicidio colposo

    • Politica

      “Non intendo prestarmi ancora a questo gioco al massacro”

    • Cronaca

      "La mia vita da cervello in fuga, fra calci in faccia e porte sbattute"

    I più letti della settimana

    • Clamorosa rimonta (da 2-0 a 2-3) del Manduria: ennesima umiliazione per il Brindisi

    • Asd Brindisi: sulla panchina arriva un ex giocatore dell'Inter, rientrano le dimissioni di Manzo

    • La Cedas inizia il 2017 alla grande: vincono tutte e tre le squadre

    • L'Invicta vince in rimonta il recupero contro il Bastone Calimera

    • Campionato regionale di indoor rowing domenica a Brindisi

    • Sport gratis per i bambini: anche Fasano aderisce al progetto "Coni ragazzi"

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento