Dalla laurea al lavoro nei campi, la coraggiosa scelta di Anna e Mustapha

Marito e moglie a 30 anni sono andati a vivere in una vecchia masseria nelle campagne di Brindisi, dove mandano avanti una piccola azienda agricola. La loro giornata inizia alle 6 del mattino

Anna e Mustapha, sulla destra, insieme a uno dei fratelli di Anna

BRINDISI – “Lavoro, passione e un po’ di follia”. Sono queste le parole chiave della coraggiosa scelta fatta da Anna Guglielmi e Mustapha El Brache, che a 30 anni hanno rinunciato ai confort della vita in città per andare a vivere in campagna, dove mandano avanti una piccola azienda agricola.

Lei ha vissuto per anni a Bologna. Lui è originario del Libano. La scintilla è scoccata grazie ai comuni studi presso la facoltà di Agraria dell’Università degli studi di Parma. Dopo la laurea, i due hanno deciso di lasciare le rispettive occupazioni (Anna era una dipendente delle “Fiere di Parma Spa”, Mustapha lavorava in pizzeria) per trasferirsi a Brindisi, dove risiedono i famigliari di Anna.

IL VIDEOSERVIZIO

Ad attenderli c’era una masseria agricola del ‘600 acquistata nella prima metà degli anni ’90 dal padre di Anna, Franco, in zona San Paolo, nelle campagne confinanti con il quartiere La Rosa. E’ qui che i due coniugi, insieme alla splendida bimba nata dalla loro unione, si sono reinventati un lavoro, con il preziosissimo ausilio del papà della ragazza e dei suoi tre fratelli, Simone, Michele e Lorenzo. Salvatore Barbarossa è andato a trovarli, per farsi raccontare la loro storia (il videoservizio è nel  link al centro dell'articolo). 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Incidenti stradali: raffica di condanne per “ponci” a Brindisi

    • Cronaca

      Licenziamenti dopo cambio di appalto: secondo giorno di protesta a Cerano

    • Cronaca

      Muore dopo dimissioni dal Pronto soccorso: i parenti chiedono chiarezza

    • Cronaca

      Parte laboratorio emotivo-corporeo nella casa circondariale di Brindisi

    I più letti della settimana

    • La prima chitarra costruita da Andrea, dal legname per le barche

      Torna su
      BrindisiReport è in caricamento