Assembramenti e spiagge libere: come si stanno organizzando i Comuni

Nel Brindisino sono sei i Comuni che hanno competenza su tratti di costa: Brindisi, Fasano, Ostuni, Carovigno, San Pietro Vernotico e Torchiarolo

BRINDISI – Da lunedì 25 maggio le amministrazioni comunali possono consentire l’utilizzo delle spiagge libere nel rispetto delle indicazioni contenute nelle Linee guida regionali per quanto riguarda il contenimento dell’epidemia da Covid-19. Nel Brindisino sono sei i Comuni che hanno competenza su tratti di costa: Brindisi, Fasano, Ostuni, Carovigno, San Pietro Vernotico e Torchiarolo. Come si stanno organizzando? Lo abbiamo chiesto ai primi cittadini o assessori al ramo.

Le linee guida regionali

“Per quanto riguarda le ​spiagge libere​, si ribadisce l’importanza  dell’informazione e della responsabilizzazione individuale da parte degli avventori nell’adozione di comportamenti rispettosi delle misure di prevenzione. Al fine di assicurare il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro tra le persone e gli interventi di pulizia e disinfezione dei servizi eventualmente presenti si suggerisce la presenza di un addetto alla sorveglianza. Anche il posizionamento degli ombrelloni dovrà rispettare le indicazioni sopra riportate”.

2020_05_20_Ordinanza Balneare 2020_def-2

“È da vietare la pratica di attività di animazione (feste, balli di gruppo, merende collettive, etc.) o ludico-sportive di gruppo che possono dar luogo ad assembramenti. Gli ​sport ​individuali che si svolgono abitualmente in spiaggia (es. racchettoni) o in acqua (es. nuoto, surf, windsurf, kitesurf) possono essere regolarmente praticati, nel rispetto delle misure di distanziamento interpersonale. Diversamente, per gli sport di squadra (es. beach-volley, beach-soccer) sarà necessario rispettare le disposizioni delle istituzioni competenti”.

spiaggiia distanziamento-2

Brindisi

Nel capoluogo per lunedì 25 maggio è previsto un incontro tra gli addetti ai lavori per l’organizzazione della gestione delle spiagge libere di competenza del Comune di Brindisi. “Sicuramente il nostro compito è quello di occuparci della vigilanza – spiega l’assessore Roberta Lopalco – lunedì discuteremo della nuova ordinanza di balneazione per capire come gestire le spiagge libere, certo è che i primi responsabili sono i cittadini. Bisogna mantenere il distanziamento, evitare assembramenti e adottare tutte le misure consigliate per evitare i contagi. Noi vigileremo su questo”.

Fasano

Anche il sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, che ha competenza su circa 20 km di costa, precisa che l’ordinanza di balneazione sposta tutta la responsabilità sul singolo cittadino e invita gli avventori delle spiagge libere alla prudenza. “Doteremo le spiagge di tutto il materiale informativo sulle misure anti contagio previste dall’ordinanza e ci occuperemo della sorveglianza, ma è il cittadino che deve essere responsabile sia in spiaggia che altrove. Ho sempre detto che il vaccino già esiste: siamo noi stessi il vaccino. Se evitiamo comportamenti che ci mettono a rischio non c’è pericolo di contrarre il virus. Bisogna mantenere le distanze, evitare assembramenti e curare l’igiene personale”.

Carovigno

Anche il Comune di Carovigno, competente su circa 18 km di costa, come ha spiegato il vicesindaco Antonella Tateo, si sta dotando di cartellonistica informativa da installare sull’arenile. In programma convenzioni per la gestione della sorveglianza.

santa sabina - carovigno (22)-3

Ostuni

Anche l’amministrazione di Ostuni è a lavoro per l’organizzazione della gestione delle spiagge libere. Nei prossimi giorni verrà emanato un documento con tutte le indicazioni da adottare. Anche il sindaco Guglielmo Cavallo invita al rispetto delle misure anti contagio, rispettando le distanze.

Torchiarolo

Stesso discorso per Torchiarolo, con competenza su 4 km di costa, la cui amministrazione è già alle prese con il progetto di riqualificazione del paesaggio costiero fermo anche a causa dell’emergenza sanitaria.

“L’ordinanza regionale non è di facile attuazione – spiega il sindaco Flavio Caretto – non ci sono le risorse e gli strumenti per garantire la sorveglianza o l’ingresso contingentato. Sicuramente vigileremo per il rispetto delle misure anti contagio. Per il resto, vedremo nei prossimi giorni come organizzarci”.

San Pietro Vernotico

Il sindaco di San Pietro Vernotico Pasquale Rizzo, invece, intende rinviare di una settimana la possibilità della fruizione della spiaggia libera ed è a lavoro con alcune associazioni locali per contingentare gli ingressi.

“Purtroppo non ho il quadro chiaro sul numero dei positivi nel mio paese perché non mi viene fornito. Per questo non posso ancora permettere l’apertura della spiaggia libera. Attenderemo un’altra settimana in attesa di ricevere dati certi. Intanto siamo a lavoro per organizzare l’ingresso in spiaggia contingentato. Nei prossimi giorni faremo un sopralluogo per avere contezza dello spazio a disposizione in modo da capire il numero delle postazioni. Probabilmente organizzeremo gli ingressi anche su prenotazione, tutto dipenderà dall’andamento dei contagi”.

campo di mare-4

A San Pietro sono in arrivo 20mila euro dalla Regione Puglia per la valorizzazione di un tratto di spiaggia della Marina di Campo di Mare da adibire a fruizione delle persone diversamente abili. L'Ufficio Tecnico, nonostante il periodo di piena emergenza sanitaria, ha inoltrato entro la scadenza prevista (3 aprile) la proposta progettuale riguarante l'intervento che prevede la valorizzazione in corrispondenza di uno specchio d’acqua adiacente ad una delle spiaggie private site nella marina.

Sull’arenile è già presente un gazebo in legno dell'Ente che metterà a disposizione dei diversamente abili assieme ad una sedia job ottenuta negli anni scorsi per effetto dell'art.85 della Legge Regionale 67/2017. La marina inoltre è già dotata di un numero adeguato di parcheggi riservati alle persone diversamente abili in corrispondenza del Lungomare (attualmete ci sono n.14 stalli riservati in prossimità del lungomare).

L’intervento è finalizzato all’installazione sull’arenile di un servizio igienico per disabili realizzato con materiale ecosostenibile (legno o simili), l’installazione di 3 spogliatoi riservati alle persone diversamente abili sempre realizzati con materiale ecosostenibile (legno o simili), la realizzazione di una doccia esterna e la posa di passerella sull’arenile che garantisca l’accesso alla battigia alle persone diversamente abili (dal punto di arrivo della rampa sulla spiaggia, passando per il presidio della sedia job e fino alla battigia è necessaria un passerella lunga ml.100 di larghezza ml. 1,20) .

L’accessibilità alla spiaggia libera ai disabili e alle persone anziane sarà garantita dalla rampa riservata esistente sul lungomare della marina sampietrana. La rampa ha una lunghezza totale di circa 80 ml. e consente di superare il dislivello di circa 5 ml esistente fra la parte superiore del lungomare e l’arenile. Attualmente risulta inagibile, ma come si ricorda anche per essa l'Amministrazione ha ottenuto nei mesi scorsi un importante finanziamento pubblico per un l'intervento che ne garantirà il regolare utilizzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento