Apani: domenica con auto sulla falesia dell'Area marina protetta

La segnalazione di una cittadina di Brindisi. Il parcheggio del lato sud-est di Torre Guaceto è ancora chiuso

BRINDISI – “Domenica 7 giugno 2020. Fase due, voglia di ripresa, e così tutti al mare. Ma i lidi sono tutti prenotati, i posti non bastano per tutti, le poche spiagge libere sono prese d’assalto. In località Apani, all’inizio della riserva di Torre Guaceto, ogni anno viene allestita una zona sosta con bar, servizi e ampio parcheggio, in accordo con il Consorzio di gestione dell’oasi. La zona sud dell’area protetta è frequentata ogni anno da turisti e amanti della tranquillità. Un posto selvaggio, dove la natura è rimasta integra, da molti anni vietata alle auto come in tutta la riserva. Il parcheggio non è ancora aperto e ieri si presentava così, auto parcheggiate lungo la strada sterrata e perfino sulla falesia nonostante i divieti. Speriamo che tutto riparta come prima, anzi, meglio di prima. La natura è fatta per essere fruita”.

brindisi- auto parcheggiate sulla falesia 2-2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così scrive una cittadina di Brindisi che domenica scorsa, appunto, si è trovata di fronte a questo spettacolo. Il parcheggio sul versante Apani dell’Area marina protetta non è ancora in attività, ma non pochi bagnanti hanno deciso di entrare ugualmente con la propria auto all’interno della riserva, parcheggiando proprio sul bordo della falesia. Le violazioni commesse sono evidenti: non si può entrare in auto in un’area sottoposta a vincoli come quelli di una riserva dello Stato; non si può parcheggiare sul demanio marittimo, non si può parcheggiare dove ci sono divieti per pericolo di frana della falesia stessa. Cosa si rischia? Parecchio, sia dal punto di vista sanzionatorio che dell’incolumità. Ma a qualcuno questo interessa poco, evidentemente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Altri 16 alunni positivi nel Brindisino: chiusa una scuola media

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento