Giovedì, 21 Ottobre 2021
Attualità

Comune, nuovo bando per la vendita di locali commerciali: prezzi ridotti

“Valore totale 1.422.425 euro, il 5 per cento in meno rispetto all’avviso precedente”. In elenco immobili nei rioni Sant’Angelo, Commenda, Perrino e La Rosa

BRINDISI – Nuovo bando per la vendita degli immobili commerciali di proprietà del Comune. Avviso bis pubblicato a Palazzo di città con la speranza di riuscire a incassare almeno un milione e mezzo di euro. Più esattamente 1.422.425 euro, il 5 per cento in meno rispetto al bando precedente.

L’elenco degli immobili in vendita

Il nuovo avviso fa seguito alla delibera della Giunta comunale del 2 maggio scorso, con cui venne approvato il piano delle alienazioni dei beni immobili del Comune, aggiornato il 5 luglio dopo una correzione dei singoli valori di mercato tenuto conto delle dimensioni dei locali e della collocazione.

In elenco ci sono 21 cespiti: due locali in via Sant’Angelo civico 18, uno a 80.845 euro e l’altro a 60.087; un locale in via Aleandro 3 a 86.307; uno in via Aleandro 5 allo stesso prezzo; un altro in via Aleandro 7 a 80.845; uno in via Aleandro 9 a 60.087.

Nel rione La Rosa, sono in vendita: due locali commerciale in via dei Tulipani complessivamente a 37.468; un locale nella stessa via a 23.256 (non sono indicati i numeri civici); un locale in via degli Aceri 12 a 29.070.

Nel quartiere Commenda, il Comune vuole vendere i seguenti immobili che non risultano accatastati: in via Santa Maria Ausiliatrice 6 per 27.859; sulla stessa strada ai civici 8 per 25.835, 10 per 43.776 e ai civici 12, 14, 16 e 18 per 43.776. E ancora, sempre in via Santa Maria Ausiliatrice, sono in elenco i locali ai numeri civici 20 per 46.080, 22, 24, 26, 28 e 30, tutti per 43.776 euro, ai civici 36 e 38 per 28.186, al civico 40 per 39.928, al civico 42 per 40.812 e al civico 44 per 28.186 euro.

In elenco ci sono anche tre locali che si trovano in via Ticino, nel rione Perrino, nessuno dei quali è accatastato, tutti di 105 metri quadrati, per 74.812 euro.

Al prezzo posto a base di gara, “sono da sommare, perché a carico dell’acquirente le spese e i costi necessari alla redazione e alla presentazione delle pratiche di eventuali variazioni catastali dell’immobile presso l’agenzia delle entrate, le spese per il rilascio dell’attestazione Ape e le spese e i costi per le volture delle utenze, gas, energia e telefonia”.

Il diritto di prelazione

“E’ consentito l’esercizio della prelazione al titolare del diritto (il conduttore) sulla base della migliore offerta avanzata dall’Amministrazione comunale e alle stesse condizioni, nel termine perentorio di 60 giorni dalla comunicazione”, si legge nel testo del bando. “Scaduto il termine, se non è pervenuta alcuna accettazione, decade ogni diritto di prelazione sul bene”.

L’asta pubblica

Gli immobili saranno messi all’asta “esperita con il metodo delle offerte segrete da confrontarsi con l’importo posta a base d’asta”. L’aggiudicazione del singolo lotto verrà disposta a favore del concorrente il quale avrà presentato l’offerta valida più elevata”. Per la presentazione delle offerte ci sono 30 giorni di tempo dalla pubblicazione dell’avviso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, nuovo bando per la vendita di locali commerciali: prezzi ridotti

BrindisiReport è in caricamento