LyondellBasell dona 10.000 dollari al Banco Alimentare della Puglia

La multinazionale dà il suo contributo nella lotta contro la fame durante e dopo l’emergenza Covid-19

BRINDISI - LyondellBasell, una delle più grandi aziende nel mondo nel campo della raffineria, prodotti chimici e materie plastiche ha donato 10mila dollari al Banco Alimentare della Puglia per dare un aiuto in questa fase di emergenza sociale. Questo contributo rientra in una donazione effettuata a livello mondiale in 17 banchi alimentari di altrettanti Paesi nel mondo dove la società è presente con i principali siti produttivi al fine di affrontare la crisi sociale causata dalla pandemia.

“A seguito dell’emergenza legata al virus in tutto il mondo i Banchi Alimentari stanno registrando un incremento della richiesta di cibo e un declino delle donazioni nel campo alimentare” ha dichiarato Gianpiero Manca, Direttore dello Stabilimento di Brindisi di LyondellBasell. “Le nostre comunità, adesso più che mai, si affidano a contributi caritatevoli per fornire supporto alimentare su base quotidiana. E’ fondamentale che anche noi facciamo la nostra parte per aiutare queste organizzazioni che continuano a fornire cibo a chi ne ha bisogno.”

IMG_5007-2

Il Banco Alimentare è in prima linea in tutto il mondo per affrontare la crisi internazionale, fornendo cibo e assistenza a milioni di persone che soffrono la fame. "L'impatto della pandemia è avvertito in tutte le comunità del mondo ", ha dichiarato Luigi Riso Presidente del Banco Alimentare della Puglia. "Il risultato di questa crisi in corso è tangibile in Italia e in particolare nel nostro territorio pugliese. Nella fase 2 dell’emergenza Covid-19  ci aspettiamo un notevole incremento delle richieste di aiuto alimentare da parte delle famiglie i cui componenti hanno  perso il posto di lavoro: stimiamo un 30% in più. Nel territorio di Brindisi nel 2019 abbiamo distribuito 44.000 kg di prodotti alimentari a circa 800 indigenti attraverso le strutture caritative convenzionate. Come centro regionale siamo impegnati a venire incontro alle richieste delle strutture caritative presenti sul territorio brindisino moltiplicando le iniziative  di recupero del cibo per i bisognosi”.

Oltre alla donazione legata all’emergenza sociale, LyondellBasell continua a fornire ai propri clienti una serie di materiali, incluse le resine di polipropilene, che vengono utilizzate per produrre le fibre che forniscono filtrazione nelle maschere facciali; i prodotti masterbatch per i film traspiranti per tute protettive; e polipropilene, ossido di etilene e ossido di propilene sono utilizzati per realizzare siringhe mediche, kit per test medici, saponi, disinfettanti e molti altri prodotti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per informazioni su LyondellBasell e la continua risposta al nuovo coronavirus, visita  www.lyondellbasell.com oppure seguici su LinkedIn, Facebook or Twitter.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento