Tassa rifiuti ridotta o azzerata per 528 famiglie di Fasano

Lo fa sapere l'amministrazione comunale: "Un risultato ottenuto anche grazie alla riorganizzazione dell'ufficio tributi"

Il sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria

FASANO - La società di gestione del software applicativo per le tasse comunali, ha comunicato questa mattina i dati definitivi  riguardanti la tassa rifiuti per il 2019 nel Comune di Fasano: quest’anno sono 528 i nuclei familiari residenti con Isee annuo inferiore  a 10.000 euro, ai quali la tassa è stata azzerata. Ad altre 340 famiglie è stata diminuita fra il 60 e il 70%. Lo fa sapere l'amministrazione comunale fasanese. “È la conferma che anche nel 2019 abbiamo mantenuto la promessa di fare politica fiscale - dice il sindaco Francesco Zaccaria -, riducendo le tasse comunali finalmente anche a Fasano. Un risultato incredibile se si pensa che, dal 2016 ad oggi, i costi per il conferimento dei nostri rifiuti sono aumentati a dismisura. Questi numeri mi rendono felice: dimostrano che avevamo ragione quando dicevamo che bastava eliminare gli sprechi, e ricostituire un ufficio tributi comunale, per ridurre la tassa rifiuti in modo equo e significativo. Sulle tasse e in tutta la nostra amministrazione, vogliamo continuare a dimostrare che la politica può avere un’anima popolare, quando è fatta con concretezza e programmazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

Torna su
BrindisiReport è in caricamento