Contagi nelle Rsa: piano della Regione, task force per Brindisi

La sanità pugliese corre ai ripari. Controlli a tappeto dopo il caso "Il Focolare"

BRINDISI – È stato illustrato oggi, in un incontro tra la Task Force regionale e le associazioni rappresentative delle residenze sanitarie e sociosanitarie extraospedaliere, il piano strategico emergenziale per la gestione delle criticità delle Rsa e Rssa.

All’incontro – in videoconferenza - ha partecipato il presidente Michele Emiliano con il direttore del dipartimento Politiche della Salute, Vito Montanaro. Nel corso dell’incontro il direttore Montanaro ha comunicato che il piano strategico emergenziale per la gestione delle criticità delle Rsa e Rssa nelle quali  sono stati riscontrati casi positivi Covid “sarà attuato anche con un rafforzamento delle attività sanitarie garantite dalla Asl, con l’ausilio di operatori sanitari del servizio pubblico. È necessario salvaguardare il settore delle residenze sanitarie assistenziali, che assiste giornalmente con dedizione una fascia di popolazione molto fragile”.

Il piano servirà a gestire sia la fase emergenziale che la successiva fase a medio e lungo termine. Perciò le strutture pugliesi collaboreranno con la compilazione di un questionario di autovalutazione predisposto sulla base delle linee guida regionali relative alla prevenzione e gestione del rischio da infezione Covid-19 nelle strutture residenziali.

Per questo – è stato sottolineato - è importante definire una strategia che, oltre alla gestione della fase critica,  possa rivisitare il settore sociosanitario anche mediante la ridefinizione dei percorsi assistenziali e/o la rimodulazione delle funzioni delle strutture.

Sulla sospensione delle attività dei Centri diurni e dei ricoveri nelle Rsa, la Regione ha infine illustrato oggi le iniziative messe in atto per assicurare i livelli di assistenza, la sostenibilità del comparto e i livelli occupazionali, al fine di garantire la continuità assistenziale alla piena ripresa delle attività.

Le misure di sorveglianza epidemiologica

Confinare i pazienti in house: questo è l’aspetto centrale della strategia adottata dal personale dei Dipartimento di prevenzione delle Asl che si stanno occupando della sorveglianza epidemiologica di tutti gli ospiti delle strutture residenziali. Questo significa tamponi a tappeto che interessano sia ospiti che operatori. I test – come da direttive sanitarie nazionali – vengono ripetuti al 14 esimo giorno per escludere e/o accertare la positività al Covid. 

L’isolamento in aree Covid e aree Covid free

La creazione  – anche con una riorganizzazione logistica degli spazi già esistenti -  di aree Covid dove isolare i pazienti positivi, ove non sia necessario il ricovero in ospedale, e aree Covid free destinate ad ospitare i soggetti non contagiati e assistiti da altro personale per evitare qualsiasi forma di contatto con i pazienti positivi. 

L’assistenza sanitaria e le terapie specifiche 

Specialisti Asl a disposizione per monitorare le condizioni di salute degli ospiti e intervenire con terapie specifiche Covid. In particolare geriatri, pneuomologi, radiologi, igienisti e specialisti di medicina interna. E per disporre trattamenti terapeutici.

I dispositivi di protezione individuale 

In via del tutto straordinaria supporto alle strutture residenziali anche predisponendo kit completi di dispositivi di protezione individuale, per assicurarsi che l’accesso venga effettuato nel rispetto assoluto delle procedure previste per evitare la diffusione del contagio. Viene inoltre fornita una adeguata formazione per l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. 

Il contatto con i familiari 

Richiesta alle strutture della massima attenzione  alla comunicazione tra degenti e familiari anche attraverso tablet e smartphone. 

Tutte le strutture  socio sanitarie sono sotto monitoraggio delle aziende sanitarie in accordo con il Dipartimento Salute della Regione. La situazione di ospiti e operatori è aggiornata quotidianamente per poter individuare in tempi rapidi l’eventuale insorgenza di nuovi casi di positività al virus e mettere subito in atto le stesse misure contenitive adottate nelle altre Rsa e Rssa

La task force della Asl di Brindisi

La Asl di Brindisi ha avviato un’indagine epidemiologica su tutte le residenze per anziani della provincia. L’iniziativa, affidata al Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, si articolerà in uno screening con i tamponi, nel controllo sulla presenza e utilizzo di dispositivi di protezione individuale e sui percorsi Covid all’interno delle strutture. Lo annuncia il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone al termine della videoconferenza con i sindaci della provincia di Brindisi, alla quale ha partecipato il presidente della Regione Michele Emiliano.

“Il contagio in città è sotto controllo – dice il direttore generale – e i ricoveri al Perrino si stanno riducendo. La nostra attenzione adesso è rivolta in particolare alle strutture per anziani. Inoltre, stiamo lavorando ad un piano per gestire la fase successiva all’emergenza e riavviare una serie di attività”.

Nella tarda serata di ieri la Regione Puglia ha disposto il commissariamento del Focolare di Brindisi e ha affidato alla direzione generale della Asl ogni iniziativa utile a mettere in sicurezza la struttura dal punto di vista sanitario e di tutela dei degenti. Stamattina la direzione generale della Asl ha dato incarico al direttore del Distretto Sociosanitario di Brindisi Angelo Greco di subentrare nella direzione sanitaria del Focolare, con un’équipe medica guidata dal primario di Medicina Interna del Perrino, Pietro Gatti. Il dottor Greco sarà supportato dal medico competente e dai dirigenti dello Spesal, il Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro, e del Sisp.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Chiedono i documenti: poliziotti aggrediti con calci e pugni in stazione

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

  • Vandali scatenati: appiccati tre incendi nella scuola materna

  • Torchiarolo perde lo storico panettiere "Tore": una vita dedicata al lavoro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento