rotate-mobile
Attualità

Nuovi parcheggi e nuova viabilità in zona Sciaia: in arrivo 18 milioni di euro

Pnrr: ammessi a finanziamento tre progetti candidati dal Comune di Brindisi. Il vicesindaco Brigante: "Cambierà il volto di via Materdomini". Finanziamenti anche per altri sei Comuni del Brindisino

BRINDISI – Anche in provincia di Brindisi inizia la “pioggia” di finanziamenti del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza). Fra i beneficiari dei contributi destinati a progetti di rigenerazione urbana volti a contrastare il fenomeno della marginalizzazione urbana e sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale, vi sono anche i Comuni di Brindisi, Mesagne, Francavilla Fontana, San Vito dei Normanni, Ceglie Messapica (recupero, restauro e rifunzionalizzazione del Castello Ducale per l’importo complessivo di 3,8 milioni), Ostuni, Carovigno.  Si tratta di fondi stanziati nella giornata di ieri (giovedì 30 dicembre) con decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze e del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile, per gli anni 2021-2026, per un ammontare complessivo pari a 3,4 miliardi di euro.

Rossi: "A Brindisi finanziamenti ministeriali per 30 milioni di euro"

Il Comune di Brindisi, in particolare, ha ottenuto il finanziamento al 100 percento, per un importo pari a quasi 18 milioni di euro, di tre progetti: l’allargamento del sottopassaggio semaforizzato di via Materdomini (zona Sciaia); la realizzazione di una rotatoria per viabilità alternativa sempre in via Materdomini; la cintura urbana della mobilità in via Torpisana.

Con questi interventi, dunque, cambierà radicalmente il volto dia via Materdomini, tramite una nuova infrastrutturazione viaria per una viabilità alternativa sulla costa nord, che consentirà di saltare la zona Sciaia, pasando dietro all’ex parco di Babylandia. “In questo modo – dichiara a BrindisiReport il vicesindaco, con delega alla viabilità, Elena Tiziana Brigante - eviterà tutto quel gran traffico che nel periodo estivo si verifica in via Materdomini, che finalmente potrà diventare un quartiere a tutti gli effetti”. La rigenerazione di zona Materdomini si completerà inoltre con la realizzazione di una pista ciclabile che partirà dalla stazione ferroviaria, arrivando appunto fino alla costa nord, per la quale è previsto un finanziamento ottenuto tramite un altro bando. Questi tre interventi (allargamento sottopasso, viabilità alternativa e pista ciclabile) sono stati realizzati in collaborazione con la società di ingegneria Sintagma di Perugia, già impegnata nella progettazione del Pums (Piano urbano di mobilità sostenibile). 

Tiziana Brigante-3-2

Tornando al Pnrr, è stato ammesso a finanziamento, come detto, anche il progetto di cintura urbana di mobilità lungo via Torpisana. “Qui sono previsti – spiega ancora Tiziana Brigante – oltre 400 parcheggi di intercambio (lasci l’auto e prosegui in monopattino o tramite servizio bus navetta, per intendersi, ndr) con attività che afferiscono la mobilità sostenibile”. 

“Chiudiamo l’anno col botto – conclude il vicesindaco Brigante -  con questo finanziamento che attendevamo, anche difficile da ottenere perché avevamo puntato tutto sulla mobilità.  Ci tenevo tanto a questi tre progetti perché, insieme ad altri interventi di rigenerazione, daranno un volto diverso alla città, ma soprattutto risolvono il problema della mobilità cittadina”. I cantieri dovranno partire entro il 2023.  

Finanziamenti per il water front

Inoltre è stato finanziato il progetto Brindisi Smart City Port con 11,7 milioni di euro dal Ministero dei Trasporti, che prevede completamento del water front da piazzale Lenio Flacco a porta Thaon de Revel con la salita di via Camassa e largo Azzolino. Su via del Mare, lungo le mure, saranno riqualificati l’area archeologica e una parte di piazzale Spalato. Ci sarà anche un percorso ciclopedonale che collegherà il piazzale con l’ex capannone Montecatini.
L’obiettivo, insomma, è completare la sistemazione dell’intero water front. 

Parcheggio stadio Fanuzzi

A questi si aggiungono 569mila euro, ottenuti dal Ministero per la Transizione Ecologica nel Programma sperimentale per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano, per il parcheggio dello stadio Fanuzzi. Il progetto prevede la realizzazione di un area a verde posta in adiacenza al parcheggio tifosi ospiti; la realizzazione di una nuova pavimentazione; la raccolta delle acque meteoriche che saranno utilizzate per l’irrigazione del tappeto erboso del campo di calcio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi parcheggi e nuova viabilità in zona Sciaia: in arrivo 18 milioni di euro

BrindisiReport è in caricamento