menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Guardia di finanza celebra la ricorrenza del patrono del corpo San Matteo

Nella mattinata odierna, nella suggestiva cornice della Chiesa di “Santa Maria del Casale” di Brindisi, ha avuto luogo la celebrazione della Santa Messa

BRINDISI - Nella mattinata odierna, nella suggestiva cornice della Chiesa di “Santa Maria del Casale” di Brindisi, ha avuto luogo la celebrazione della Santa Messa in occasione della festa liturgica di San Matteo Apostolo, patrono della Guardia di Finanza.

La ricorrenza, che cade il 21 settembre, viene celebrata sin dalla proclamazione del Patrono avvenuta nel 1934 ad opera di Papa Pio XII. La funzione religiosa, alla quale hanno partecipato le massime Autorità Civili e Militari locali, i finanzieri in servizio al Comando Provinciale della Guardia di Finanza ed i rappresentanti dell’Associazione nazionale finanzieri d’Italia delle sezioni di Brindisi, Ostuni e Fasano, è stata officiata da sua eccellenza mons. Domenico Caliandro, arcivescovo della Diocesi di Brindisi-Ostuni.

Durante l’omelia il sacerdote ha ricordato la figura dell’apostolo, pubblicano ed esattore delle tasse, mettendo in evidenza la sua pronta disponibilità alla chiamata di Cristo. Al termine, il comandante provinciale Col. t.St Nicola Bia ha ringraziato l’arcivescovo per aver invocato la protezione e la guida del Santo Patrono ed ha ribadito come il quotidiano servizio svolto dal Corpo sia sempre più aderente alle crescenti esigenze di sicurezza della collettività a conferma di quel modello di polizia economico – finanziaria che rassicura, protegge e tutela il cittadino onesto e l’impresa regolare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

Alimentazione

I motivi per cui il peso varia da un giorno all'altro

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento