Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Ostuni

Mare senza barriere, i bambini con disabilità in barca con il cane "assistente"

Il primo evento in Puglia, si è svolto a Villanova sabato 24 luglio, grazie all'associazione "Il mio Labrador" nata nel 2014 nelle Marche

OSTUNI - Si è svolto a Villanova, marina di Ostuni, sabato 24 luglio, il primo evento pugliese che ha visto protagonisti i cani Labrador che assistono le persone con disabilità. Una giornata intera a contatto con il mare grazie al progetto "Mare senza barriere" che ha permesso ai bambini con disabilità fisiche e psichiche, le rispettive famiglie ed i quattrozampe di fare una uscita in barca. Una barca appositamente attrezzata, la Euphoria di Marco Carani nautica, per far trascorrere qualche ora di spensieratezza e allegria a questi bimbi. "E' stata una giornata densa di emozioni - ha spiegato Terry Lo Tesoriere, educatrice cinofila e referente regionale Opes Cinofilia - insieme ad Andrea Zenobi, presidente nazionale, abbiamo consegnato i diplomi a chi ha completato il corso di due anni per assistenza, fatto fare un giro in  barca ad ogni famiglia con il proprio bambino e il proprio cane da assitenza".

CANI 8-2

L' associazione "Il mio Labrador cani da assitenza per disabili", nata nel 2014 con sede a Treia in provincia di Macerata, si occupa di preparare cani da assitenza personalizzata per bambini con disabilità psichiche e fisiche, consegnandoli alle famiglie che ne fanno richiesta con un percorso di due anni. Il percorso di divide in due parti: la prima si svolge in associazione a Macerata e la seconda parte è fatta con un inserimento graduale in famiglia ad opera di un referente regionale. Le regioni che ad oggi hanno più cani da assistenza per bambini con spettro autistico sono la Lombardia e la Puglia. Per questo l'associazione ha voluto, fortemente, che il primo evento si svolgesse in Puglia. 

CANI 3-2

Dal 2014 ad oggi sono stati consegnati 21 cani (Labrador o Golden Retriever) ma tante sono le famiglie in lista di attesa. La maggior parte dell’aiuto è per la compagnia. Poi fanno molte cose: raccolgono da terra gli oggetti, aprono le porte antipanico, vuotano la lavatrice, aprono i cassetti, aiutano a togliere giubbetti o i calzini, cose semplici che però possono essere complicate per chi è in carrozzina. Sono addestrati a camminare al fianco senza tirare, anche se incrociano altri cani. Rispetto, infine, ai bambini con spettro autistico, il cane impara a mettersi davanti al bambino, quando si esce, se cerca di allontanarsi.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare senza barriere, i bambini con disabilità in barca con il cane "assistente"

BrindisiReport è in caricamento