menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le ambite "Quattro Viti" Ais a cinque vini brindisini

Anche il premier Giuseppe Conte tra i visitatori dello stand di produttori e sommelier dell'Alto Salento

Cinque cantine della provincia di Brindisi si sono aggiudicate il riconoscimento delle “Quattro Viti” assegnato ogni anno dall’Associazione italiana sommelier (Ais) ai vini che si aggiudicano, alla prova dell’assaggio imparziale, con bottiglia coperta, almeno 91 punti su 100.

Test che hanno superato il “1943” di Cantina Due Palme, “Orfeo” della cantina Paolo Leo, “Torre Testa” delle Tenute Rubino, “Duca d’Aragona” di Candido, “Graticciaia” delle Agricole Vallone. Anche il premier Giuseppe Conte, in visita all’iniziativa romana dell’Ais tenutasi nella “Nuvola” realizzata dall’architetto Massimiliano Fuksas, si è soffermato con i sommelier e i produttori della provincia di Brindisi e dell’Alto Salento.

il premier conte allo stand ais brindisi-2

Le cantine erano rappresentate dai rispettivi titolari e management, l’Ais brindisina dai delegati Rocco Caliandro e Giuseppe Baldassarre (anche consigliere nazionale dell’associazione dei sommelier), che hanno illustrato al primo ministro i risultati della crescita qualitativa avvenuta negli ultimi anni nelle produzioni dell’area. Le giornate romaner del vino erano legate alla presentazione della Guida Vitae 2020, e vi hanno partecipato 3mila produttori con ben 30mila vini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento