Polizia: "Grave carenza di personale, doppi turni al centro di Restinco"

Denuncia della Federazione Silp-Cgil Uil: "Di per sé insufficienti le assegnazioni avvenute nei mesi scorsi"

Riceviamo e pubblichiamo una nota della federazione sindacale Silp Cgil-Uil Polizia, a firma dei segretari generali Gabriele Bursomanno (Silp Cgil) e Gianpiero Iaia (Uil) sulla carenza di personale in cui versa la Polizia di Stato di Brindisi. 

La Federazione Sindacale Silp Cgil - Uil Polizia denuncia la grave carenza di personale in cui versa la Questura e tutti gli Uffici delle Specialità di Brindisi, dopo anni di mancato turn-over del personale. Le assegnazioni dei mesi scorsi sono di per sé insufficienti a compensare la partenza di chi è stato trasferito ad altra sede o è andato in pensione. Una carenza di risorse umane che è oramai endemica ma i piani di rinforzo ministeriali continuano a non tenere conto che sulla Questura di Brindisi oltre a gravare tutte le problematiche di ordine pubblico connesse agli eventi sportivi, ai servizi di prevenzione e contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19 ed i controlli nelle marine per la stagione estiva, grava pure Restinco, unico centro in Italia in cui insistono il Centro di Permanenza per il Rimpatrio (Cpr), il Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo (Cara) e da ultimo il centro Covid-19 per la quarantena degli immigrati. In aggiunta vi è poi la questione dei parcheggi in località Torre Guaceto, nei pressi della riserva naturale, che vede diverse pattuglie impegnate nei controlli. In questo scenario è importante l’azione delle donne e degli uomini della Polizia di Stato che sono chiamati ad effettuare controlli, far rispettare ordinanze e disposizioni, prestare aiuto e soccorso, essere di supporto a chi ne ha bisogno. In questo delicatissimo momento viene chiesto uno sforzo importante e i Poliziotti brindisini non fanno mancare il loro contributo, in un periodo in cui si registra anche una fisiologica carenza di personale legata alla fruizione delle ferie estive.

Oltre agli equipaggi di tutte le articolazioni della Questura e Commissariati distaccati, presenti sul territorio, un ruolo importante lo rivestono anche le specialità. La Polizia Stradale con le sue pattuglie sulle principali arterie di questa provincia è chiamata a controllare il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo a tutela della salute pubblica. Fondamentale risulta anche l’azione della Polizia di Frontiera e della Polizia Ferroviaria chiamate a controllare porto, aeroporto e stazione ferroviaria che in questo momento particolare sono prese letteralmente d’assalto dai viaggiatori, provenienti molti da fuori regione e tanti dall’estero.

A destare non poco sconcerto è stata poi la repentina decisione ministeriale di far confluire nel centro di Restinco gli immigrati sbarcati sulle coste della Sicilia convertendolo in un centro di quarantena da Covid-19. Il tutto senza adeguarlo agli standard minimi di sicurezza previsti e senza inviare personale aggregato di supporto ai servizi di istituto. Gli episodi dei giorni scorsi che hanno visto la fuga di un consistente numero di questi hanno fatto emergere l’inadeguatezza di quel centro rispetto alle finalità alle quali è stato destinato. Le risorse umane attualmente impiegate nei servizi di vigilanza di quel centro non riescono a soddisfare le esigenze dei due moduli. Ricordiamo che gli ospiti del Cpr sono in regime di custodia e frequentemente devono essere accompagnati nelle diverse strutture distogliendo il personale di vigilanza all’interno del centro In seguito poi alle aumentate esigenze di ordine e sicurezza pubblica spesso viene distolto personale dalle altre articolazioni della Questura per coprire i turni di vigilanza ricorrendo al lavoro straordinario o al doppio turno.

Le stesse problematiche si registrano negli uffici delle specialità ove il personale del settore burocratico ormai quotidianamente viene impiegato nei turni esterni, come si assiste sempre più spesso che personale impiegato nei servizi di Polizia Giudiziaria venga impiegato nei ridetti servizi di ordine pubblico compromettendo così il buon esito di importanti indagini. A ciò si aggiunge il fatto che le autovetture di servizio sono poche, vecchie e usurate. La situazione è grave soprattutto all’ Ufficio Prevenzione Generale in cui le poche autovetture destinate al controllo del territorio delle volanti non sono più idonee al servizio d’istituto, servizi di Polizia

Giudiziaria che vengono svolti a bordo di Fiat Punto datate oltre venti anni, veicoli che hanno percorso migliaia di chilometri e non possono essere più all'altezza di un servizio di polizia. È evidente il gravoso impegno al quale gli operatori quotidianamente sono chiamati in questo momento particolare in cui alle ordinarie attività istituzionali si aggiungono le ulteriori esigenze legate alla pandemia ed al Centro di Restinco. È da dire che il Prefetto ed il Questore stanno facendo il massimo con le attuali risorse umane ma è necessario che vengano attivati i competenti uffici ministeriali. L’amministrazione centrale deve inviare personale per far fronte alle esigenze del territorio. La logistica deve poi essere adeguata anche alla luce delle recenti normative in materia di Covid-19.

Ancora per quanto riguarda il centro di Restinco, le attività all’interno vanno programmate ed organizzate, si deve garantire salute e sicurezza ai Poliziotti chiamati a vigilare il Centro riconvertito a quarantena preventiva dei migranti, come anche provvedere ad una riduzione degli stessi. Questa Federazione Sindacale rivendica in maniera decisa la necessità di un aumento del personale in pianta stabile nella provincia correlato da un aumento proporzionale del personale aggregato, sottolinea l’esigenza di una puntuale verifica delle condizioni strutturali del Centro di Restico al fine di migliorare sensibilmente le condizioni lavorative dei Poliziotti e di tutti i componenti delle altre forze dell’ordine coinvolte nei servizi, che vanno messi in condizione di operare in sicurezza, senza sacrificare la loro salute e quella delle loro famiglie. La sanità pubblica è un diritto ma al tempo stesso un dovere civico. Questa Federazione Sindacale continuerà a seguire attentamente ogni evoluzione a tutela di tutti gli appartenenti alla Polizia di Stato e soprattutto nell’interesse pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento