menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziani a Salsomaggiore, slitta la partenza. Ricorso al Tar delle agenzie

Il gruppo in viaggio dal 16 ottobre, 24 ore dopo il giorno che nel bando del Comune di Brindisi era previsto per il rientro. Vincenzo Pati, titolare Vapatours: “La gara doveva essere annullata per farne una nuova, è cambiato il periodo previsto dal capitolato d'oneri”. Soggiorno aggiudicato a Itermar di Cattolica

BRINDISI – Soggiorno alle terme in versione autunnale per gli anziani del Comune di Brindisi che partiranno in ritardo rispetto a quanto stabilito nel bando di gara: saranno in viaggio alla volta di Salsomaggiore il 16 ottobre, vale a dire il giorno successivo rispetto a quello che la stessa Amministrazione aveva indicato come “ultimo utile per il rientro”.

La partenza per la località termale è slittata senza che da Palazzo di città sia stato spiegato il motivo, la ragione per la quale è stato accumulato il ritardo che, se da un lato non piace ai pensionati, dall’altro fa arrabbiare e anche parecchio i titolari di alcune agenzie viaggi che avevano partecipato alla gara, come Vincenzo Pati, della Vapatours che ha sede a Brindisi e che già in passato ha organizzato la “vacanza” per gli anziani.

“Se slitta il soggiorno, se cioè viene posticipato, è evidente che cambia tutto: si entra nella stagione autunnale e ci sono riduzioni nei prezzi”, spiega Pati. “Non c’è più corrispondenza tra quanto previsto nel capitolato, all’articolo 3, e quanto avviene nella realtà. E stando così le cose, ci sono tutti i presupposti per adire le vie legali: il Comune avrebbe dovuto annullare la gara e farne una nuova nel momento in cui si è reso conto che il procedimento stava andando per le lunghe”, sostiene il titolare dell’agenzia Vapatours. “L’Amministrazione, invece, non solo non ha dato spiegazioni, ma ha anche ritenuto di aggiudicare la gara. Motivo per il quale chiederò al mio avvocato di procedere con ricorso al Tar per ottenere l’annullamento”.

Dal Comune nessun rilievo, tanto è vero che proprio oggi (martedì 11 ottobre) è stata aggiudicata in via definitiva la gara per il soggiorno climatico in favore della Itermar srl di Cattolica, agenzia che ha offerto l’importo di 35,93 euro, oltre Iva, pro-capite per 181 partecipanti al soggiorno che prevede 12 pernottamenti, per un costo complessivo pari a 78.039,96 euro (oltre Iva) a fronte della base d’asta di 39,34 euro oltre Iva prevista dall’Ente .

La commissione nominata dal dirigente del settore Servizi sociali ha esaminato cinque offerte: oltre a quelle della Itermar e della Vapatours, sono arrivate le buste della Poseidone e delle agenzie I viaggi di Chiris Tour e Ganimede Viaggi, risposta all’avviso di ricerca di un operatore del settore che garantisse “colazioni, pranzi e cene inclusi”, per 12 giorni, “nel periodo compreso tra settembre e il 15 ottobre” in alberghi “a tre stelle”.

Durante il soggiorno, l’agenzia dovrà organizzare “due escursioni in località della zona di importanza storica e/o turistica, nel periodo intermedio del soggiorno; due serate danzanti presso l'albergo con consumazione gratuita e una serata con giochi di società con premi messi a disposizione dell’Agenzia aggiudicataria”.

Pati di fronte al ritardo ha spedito due “pec”, mail certificate al Comune di Brindisi, settore Servizi sociali, per chiedere le ragioni del ritardo, ma non ha ottenuto nessuna risposta. “A un certo punto mi è venuto persino il dubbio che gli anziani non partissero più e, invece, ho scoperto stamattina che l’aggiudicazione c’è stata. Assurdo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento