menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga sullo scafo, in una lettera contatti e importi tra Albania e Brindisi

Le intercettazioni ambientali svelano una missiva scritta dal brindisino Domenico Pascariello, detenuto in carcere, e destinata a Maurizio Muscogiuri, recapitata dalla moglie di un altro detenuto: debiti, crediti e il timore che qualcuno potesse parlare. Gli indagati negano: “Solo denaro per un’auto”

BRINDISI – La contabilità legata ai carichi di marijuana in arrivo dall’Albania e destinati a Brindisi sarebbe stata riportata in una lettera ritenuta importante dai finanzieri per ricostruire il business dei viaggi contestato a Giuseppe Vantaggiato, Maurizio Muscogiuri e Maurizio Carratta, arrestati tre giorni fa, in concorso con Domenico Pascariello e con l’albanese Besmir Hameti, entrambi in carcere dall’11 gennaio.

La missiva è stata scoperta ascoltando le intercettazioni ambientali autorizzate in fase di indagine, subito dopo l’arresto di sette mesi fa, quando Pascariello e Hameti furono trovati a bordo di un gommone con 1.900 chili di marijuana, suddivisa in 84 borsoni. Determinante, in questo caso, sarebbe stata una conversazione nell’auto in uso a Maurizio Muscogiuri il 16 maggio scorso: il dialogo ha permesso di apprendere l’esistenza del testo scritto da “Pascariello in carcere e destinato a Maurizio Muscogiuri, per il tramite del figlio (rimasto indagato a piede libero, ndr) dalla moglie di un altro detenuto per fatti analoghi”. Nell’ordinanza è riportato anche il nome del brindisino detenuto, estraneo al pari della moglie, alle accuse mosse nel provvedimento di arresto firmato dal gip Paola Liaci del Tribunale di Brindisi.

“Emerge – è scritto – che il detenuto Pascariello è una minaccia in quanto, in virtù di un debito verso i suoi sodali, vorrebbe rilevare i particolari del traffico illecito che lo ha portato a essere tratto in arresto”. Praticamente un rischio del quale ha parlato in auto Michele Muscogiuri: “Ste lettere ci rovinano a noi, questo lo dobbiamo pagare”. Secondo la ricostruzione dell’accusa imbastita dal sostituto procuratore Valeria Farina Valaori, Pascariello sarebbe stato in credito di 700 euro verso Muscogiuri per i carichi di droga importati dall’Albania.

La conversazione è stata oggetto di chiarimento nel corso dell’interrogatorio di garanzia reso dagli indagati davanti al gip, alla presenza dei difensori Daniela d’Amuri e Cinzia Cavallo. In quella sede, hanno spiegato che la somma si riferiva al costo della riparazione di alcune componenti di un’auto e hanno escluso qualsiasi coinvolgimento neo carichi di droga. Anche in considerazione del contenuto dell’interrogatorio le penaliste hanno depositato istanza al Tribunale del Riesame per chiedere l’annullamento della custodia in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento