rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

Energeko e Multiservizi, via al nuovo corso: chiuso il capitolo della politica

Giovanni Palasciano accetta la nomina del commissario del Comune: domani la presentazione ai sindacalisti, succede a Vito Camassa che torna all'attività di ambulante con posto fisso in viale Regina Margherita. Alla Energeko da oggi c'è l'ingegnere Antonio Galati al posto di Giovanni Ribezzo

BRINDISI – Cambio al comando della società partecipate del Comune di Brindisi: da oggi al timone della Energeko è arrivato l’ingegnere Antonio Galati, mentre per la Multiservizi è previsto per domani l’insediamento del commercialista Giovanni Palasciano, entrambi manager nominati dal commissario prefettizio Santi Giuffè, al termine della selezione pubblica con audizione finale.

Vito Camassa-3

I professionisti hanno accettato l’incarico e saranno al lavoro sino all’insediamento della prossima Amministrazione comunale, risultato delle elezioni a cui saranno chiamati i brindisini a giugno del prossimo anno, dopo le dimissioni di 17 consiglieri. Avranno il compito di traghettare le due partecipate con un’impronta tecnica, decisamente differente rispetto a quella seguita sino ad ora, visto che gli amministratori uscenti sono stati di nomina politica, scelti dalla sindaca (ex) Angela Carluccio, in quota ai movimenti che l’hanno sostenuta.

Ufficialmente, quindi, da domani potrà essere considerato chiuso il capitolo legato al nome di Vito Camassa (nella foto in alto, il giorno dell'audizione pubblica) come amministratore unico della Multiservizi srl, la più grande delle partecipate per la quale, nei giorni scorsi, il commissario Giuffrè ha deliberato il ripiano della perdita pari a un milione e 300mila euro, maturata a conclusione dell’esercizio 2014. Camassa ritornerà alla sua vita di sempre, riprendendo la gestione dell’attività di “ambulante a posto fisso in viale Regina Margherita, a Brindisi, con licenza di somministrazione di alimenti e bevande”.

La titolarità dell’attività è stata resa nota dallo stesso Camassa al momento dell’accettazione dell’incarico, in ottemperanza agli obblighi imposti dalle disposizioni di legge in materia di trasparenza: risulta, infatti, nella dichiarazione della situazione patrimoniale, dopo l’indicazione dei beni di proprietà, due unità immobiliari in regine di separazione di beni più una Fiat Panda. Non è stato pubblicato, invece, il reddito annuo. Il compenso come amministratore unico ammonta a 35mila euro l’anno e dovrà essere conteggiato a far data dal 13 gennaio scorso, data dell’insediamento alla Multiservizi.

Il nuovo amministratore unico della Energeko, Antonio Galati, si è presentato in mattinata negli uffici della società in via Filomeno Consiglio: prende il posto di Giovanni Ribezzo che torna alla sua attività imprenditoriale, come socio accomodante della Puntogomme di Brindisi. Sul sito della partecipata è stata pubblicata la dichiarazione dei redditi di Ribezzo: 22.323 euro l’anno ai quali sono stati aggiunti 16.200 euro come compenso per il lavoro svolto alla guida della Energeko

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energeko e Multiservizi, via al nuovo corso: chiuso il capitolo della politica

BrindisiReport è in caricamento