Cronaca

Comune, finanzieri a caccia di assenteisti con il trucco del badge

Visita a sorpresa nella sede dei Servizi sociali di via Grazia Balsamo: ascoltati quattro dipendenti, acquisite le presenze registrate dalle macchinette smarca-tempo anche al centro anziani di Bozzano. Ipotesi di truffa al vaglio dei militari

BRINDISI – Presenti realmente in ufficio o solo sulla carta, grazie al badge “strisciato” da qualche collega? Il dubbio che possa esserci stato qualche assenteista al Comune di Brindisi sarebbe alla base di una verifica posta in essere dai finanzieri del Nucleo di polizia Tributaria, arrivati qualche giorno addietro nelle sedi di alcune ripartizioni.

Pattuglie finanzieri S.Pietro VernoticoI militari, sebbene in borghese, sono stati visti nella palazzina di via Grazia Balsamo che ospita il settore Servizi sociali e si sarebbero anche affacciati nel centro anziani dell’Amministrazione che si trova nel rione Bozzano, per verificare -  de visu -  chi fosse effettivamente al lavoro, al di là di quanto riferito dai cartellini. Almeno una delle presenze sottoposte a controllo sarebbe stata fasulla nel senso di non corrispondente alla realtà dei fatti, perché il dipendente era da tutt’altra parte. Dove? A quanto pare nella sede dell’attività che da tempo porta avanti, peraltro con successo.

Il badge, al contrario, lo indicava regolarmente al lavoro. La domanda è: come è possibile? La risposta potrebbe essere la seguente: qualcuno ha “passato” il cartellino per conto suo. Qualche collega in servizio presso la stessa ripartizione ai Servizi sociali. Per ora un’ipotesi.

Stando a indiscrezioni, il cartellino del dipendente era assieme ai badge intestati ad altri tre, lasciati sulla macchinetta smarcatempo. I tre erano nei rispettivi uffici. Tutti e quattro sono stati interrogati al momento come persone informate sui fatti e dunque non indagate, ma non è escluso che lo status degli impiegati possa cambiare. Tutto dipende dall’esito della verifica che, al momento, prosegue e potrebbe portare alla contestazione dell’ipotesi della truffa ai danni del Comune di Brindisi.

smarcatempo-2Gli accertamenti, quindi, vanno avanti e i finanzieri, proprio per questo, avrebbero già acquisito i fogli presenza. Non è chiaro se si sia trattato di visita a campione negli uffici dell’Amministrazione oppure su “chiamata”, vale a dire su segnalazione di qualcuno. Magari di dipendenti che timbrano regolarmente. Certo è che non è affatto escluso un ritorno dei finanzieri negli uffici del Comune così come nelle sedi delle società partecipate.

L’ultima inchiesta sull’assenteismo ha riguardato la Asl di Brindisi e gli uffici di via Dalmazia, ed è sfociata nel processo in cui sono imputati in 34, tra medici, infermieri e amministrativi, per i quali il pm  Milto Stefano De Nozza ha chiesto la condanna a pene comprese tra i dieci mesi e un anno e mezzo di reclusione per truffa aggravata ai danni dello Stato e per falso.

 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, finanzieri a caccia di assenteisti con il trucco del badge

BrindisiReport è in caricamento