rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Multiservizi, cartelle Equitalia non pagate: pignoramento per 700mila euro

La denuncia del sindacato Cobas, Bobo Aprile: “Dipendenti in stato di agitazione per il rischio di ritardi nel pagamento degli stipendi”. Chiesto un incontro con il commissario del Comune. D'accordo la Cisl

BRINDISI – Dopo la perdita da un milione e 300mila euro, c’è un ulteriore zavorra per la Multiservizi ed è legata al mancato pagamento delle cartelle di Equitalia per 700mila euro, somma ottenuta in pignoramento, con conseguenze sul pagamento degli stipendi per 180 dipendenti più 23 precari.

Secondo il sindacato Cobas, autore della scoperta dell’atto di pignoramento notificato di recente al Comune di Brindisi in qualità di socio unico, la situazione economico-finanziaria è ancora più complessa. Ed è tale da aver portato i dipendenti a proclamare lo stato di agitazione essendo concreto rischio di ritardi nel riconoscimento delle spettanze ai lavoratori.

“Il Cobas  ha chiesto un incontro urgente con il commissario straordinario Santi Giufrè”, dice Bobo Aprile, portavoce storico dell’organizzazione sindacale. “Mercoledì 12 Luglio è previsto l’insediamento del nuovo amministratore, a cui auguriamo buon lavoro, nella speranza di avere un piano industriale efficace”. Alla richiesta di un incontro si sono unite le segreterie territoriali Cisl e Fisascat Cis: "Necessario un tavolo concertativo immediato, che si ascriva il compito di contribuire all’immediata risoluzione della delicatissima vertenza", si legge in una nota stampa.

La struttura commissariale ha affidato le redini della partecipata più importante dell’Amministrazione cittadina al commercialista Giovanni Palasciano, laureato in Economia a Bari, con percorso universitario proseguito negli Stati Uniti e master alla Bocconi di Milano. E’ stato anche vice presidente del consiglio di amministrazione della Fiera del Levante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multiservizi, cartelle Equitalia non pagate: pignoramento per 700mila euro

BrindisiReport è in caricamento