menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il depuratore di Bufalaria. Sotto, Specchiolla e Santa Sabina

Il depuratore di Bufalaria. Sotto, Specchiolla e Santa Sabina

"Ritardi gravi negli allacci delle marine e di Carovigno al depuratore"

Quanto costano ai proprietari degli immobili delle marine di Carovigno i continui ritardi nell'allaccio delle reti fognarie al nuovo depuratore di Bufalaria? Per quanto tempo ancora chi possiede e abita appartamenti e villette a Specchiolla e Pantanagianni continuerà a pagare esose bollette

CAROVIGNO – Quanto costano ai proprietari degli immobili delle marine di Carovigno i continui ritardi nell’allaccio delle reti fognarie al nuovo depuratore di Bufalaria? Per quanto tempo ancora chi possiede e abita appartamenti e villette a Specchiolla e Pantanagianni continuerà a pagare esose bollette al Comune di Carovigno per il servizio di trasporto liquami affidato ad una impresa locale? E per quante estati ancora gli autospurgo continueranno a circolare nelle strade di Santa Sabina? Domanda più che legittima visto che alla costa di carovigno è stata assegnata la Bandiera Blu 2016, ma soprattutto perché le opere ci sono, ma non viene effettuato l’avvio come nel caso della vasca di raccolta centralizzata di Specchiolla, dove gli impianti di sollevamento devono poi convogliare i liquami al depuratore.

A tutto questo si può aggiungere anche l’incredibile, trentennale percorso dell’allaccio del centro urbano di Carovigno allo stesso depuratore di Bufalaria, che già funziona per San Vito dei Normanni e San Michele Salentino, a cause delle pendenze errate per il collettore e della lentezza dei lavori di correzione del problema. La denuncia arriva ancora una volta della sezione di Carovigno del Partito comunista, che da anni segue il tema degli allacci fognari e della bonifica del Canale Reale, e che ora accusa nuovamente l’amministrazione comunale di centrodestra di Carovigno per i ritardi.

La borgata costiera di Specchiolla

“Il collegamento dell’impianto fognario di Torre Santa Sabina, di Pantanagianni e di Specchiolla al depuratore di Bufalaria  poteva essere fatto  prima ma ora non può attendere. L’amministrazione comunale di Carovigno  doveva consegnare l’impianto fognario di Torre Santa Sabina all’Acquedotto Pugliese nel dicembre del 2015  ma non è stato fatto, non è stata fatta nessuna verifica sulla funzionalità del primo tronco della fognatura realizzato oltre 30 anni fa e nemmeno sul secondo tronco della fognatura realizzato  oltre 20 anni fa”,  sostiene la sezione di Carovigno del Partito comunista.

“La realizzazione della vasca di accumulo di Specchiolla dei liquami,  asservita a tutta la costa, è stata terminata la e collaudata a maggio del 2016 con circa un anno di ritardo, l’impianto fognario di Specchiolla e Pantanagianni poteva entrare in funzione a maggio  2016 ma non è successo. I lavori per correggere le anomalie alla pendenza (fatte oltre 20 anni fa) del tronco fognario da Carovigno al depuratore  di Bufalaria dovevano  essere  terminati a dicembre del 2015 ma non sono stati ancore terminati, mancano lo scavo ed il collegamento tra la pozzetta 0 e la pozzetta 1”, si legge nel comunicato a proposito dei tempi di consegna delle opere.

Torre Santa Sabina

“La giunta  di centro destra Brandi con i suoi  assessori è in carica  da 14,5 mesi,  dal 15 giugno 2015. In oltre 14 mesi la ditta appaltatrice per correggere la pendenza sbagliata è stata sempre a disposizione ma  ha effettuato più o meno solo tre mesi di lavoro e ciò ha dimostrato la completa incapacità di governo della giunta Brandi e dei suoi collaboratori assessorili. Il non collegamento in tempi celeri della fogna di Carovigno al depuratore – sostiene ancora il partito comunista -  ha significato continuare a scaricare   nella falda sotterranea la fogna di Carovigno”.

A proposito poi dello scarico del depuratore di Bufalaria nel Canale Reale, il Partito comunista di Carovigno si dichiara contrario al convogliamento su alto fondale con una condotta sottomarina  e chiede un uso e un controllo pubblico dell’acqua per l’agricoltura, e conclude esternando la preoccupazione che Regione  e Comune vogliano  ancora rinviare  l’allaccio  fognario di Torre Santa Sabina al depuratore. “Noi diciamo che il collegamento fognario di  Torre Santa Sabina al depuratore è la priorità come  in tutta la costa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento