Testata in faccia e naso rotto: aggressione dopo partitella di calcetto

Un uomo di 57 anni è stato denunciato dai carabinieri. La vittima ha riportato la frattura del setto nasale con 20 giorni di pognosi

CAROVIGNO - Al termine della partita di calcetto, ha colpito un avversario con una testata al volto. Un 57enne residente a Triggiano (Bari) è stato denunciato a piedi libero dai carabinieri della stazione di Carovigno. L’episodio si è verificato lo scorso 13 agosto. La partitella si è svolta a Carovigno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo l’aggressione, la vittima, un 32enne del posto, si è recata in ospedale, dove gli è stata diagnosticata una frattura e deviazione del setto nasale, con prognosi di 20 giorno. Il malcapitato ha sporto querela a carico dell’aggressore. Al termine di una serie di accertamenti investigativi, i militari hanno contestato al 57enne il reato di lesioni personali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento