menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Capitaneria: altro sequestro di ricci di mare, e del vietato "bianchetto"

Non cessa la pesca di frodo di specie il cui prelievo è vietato, come il novellame, detto comunemente bianchetto, o rigorosamente regolamentato come i ricci di mare

Non cessa la pesca di frodo di specie il cui prelievo è vietato, come il novellame, detto comunemente bianchetto, o rigorosamente regolamentato come i ricci di mare. Ma la Guardia costiera di Brindisi non ha affatto allentato i controlli e altri autori di violazioni delle normative in materia sono stati colti in flagrante e sanzionati adeguatamente, mentre il prodotto è stato sottoposto a sequestro. Per i ricci i militari della Capitaneria di Brindisi hanno provveduto alla reimmissione in mare, mente il bianchetto è stato distrutto.

Ricci sequestrasti da Guardia costiera di Brindisi-2Il primo servizio è stato condotto a Torre San Gennaro, marina del comune di Torchiarolo, dove i militari hanno proceduto al sequestro di circa 1.000 ricci di mare (Paracentrotus lividus) a carico di un pescatore sportivo, ed alla contestazione del discendente illecito amministrativo che prevede l’irrogazione di una sanzione fino ad un importo massimo di 12.000 euro.

Un decreto ministeriale del 12 gennaio 1995  regolamenta la disciplina della pesca del riccio di mare, appartenente alla famiglia degli Echinodermi, sottoposto attualmente a un prelievo indiscriminato sia da parte dei pescatori professionali che da  parte dei pescatori sportivi. Le normative stabiliscono che nella pesca sportivo-ricreativa il limite giornaliero di cattura è di 50 esemplari, mentre il pescatore professionale non può catturare giornalmente più di mille esemplari.

I ricci, freschi ed ancora allo stato vitale, destinati ad alimentare il mercato illegale con banchetti improvvisati ai bordi delle strade,  o il menu di locali di ristorazione, sono stati sottoposti a sequestro ed immediatamente rigettati in mare. Ma i controlli hanno evidenziato anche quanto sia diffusa, in questo periodo dell’anno, la vendita e la somministrazione del cosiddetto “bianchetto” comunemente definito “schiuma di mare”.

Novellame sequestrato dalla Guardia costiera di Brindisi-2

Quella che per alcuni è solo una prelibatezza secondo alcuni, in realtà è solo il risultato di un grave danno all’ecosistema marino, trattandosi di pesce allo stato giovanile. Gli ispettori della Capitaneria, nel corso di verifiche nelle vie cittadine di Brindisi, hanno individuato una improvvisata postazione abusiva di vendita di novellame di sardina (Sardina pilchardus), e oltre alla sanzione amministrativa applicata alla persona coinvolta,, tutto il prodotto – come già detto - è stato posto sotto sequestro e successivamente distrutto.

Novellame sequestrato dalla Guardia costiera di Brindisi (2)-2-2

Si ricorda che per segnalare comportamenti illeciti o situazioni dubbie sono attivi, 24 ore su 24 e sette giorni su sette, il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Emergenza Covid-19

    Alleviare ansia e paura: le dolci note del violino nell' hub vaccinale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento