Cronaca Cisternino

Appartamento in fiamme a Cisternino: rogo appiccato per motivi sentimentali

E' doloso l'incendio che ieri pomeriggio ha distrutto un appartamento al primo piano situato in contrada Caranna, nelle campagne di Cisternino. La svolta nelle indagini è arrivata nella mattinata di oggi (12 maggio) con la denuncia per danneggiamento da incendio della 27enne E.K., dio origini albanesi, domiciliata a Cisternino.

CISTERNINO – E’ doloso l’incendio che ieri pomeriggio ha distrutto un appartamento al primo piano situato in contrada Caranna, nelle campagne di Cisternino. La svolta nelle indagini è arrivata nella mattinata di oggi (12 maggio) con la denuncia per danneggiamento da incendio della 27enne E.K., dio origini albanesi, domiciliata a Cisternino. La donna, da quanto appurato dai carabinieri della compagnia di Fasano, avrebbe dato fuoco all’abitazione dopo una lite per dissidi sentimentali con il convivente, una persona del posto.

Quest’ultimo non era in casa, fra l’altro di sua proprietà, quando la compagna, nel primo pomeriggio, avrebbe appiccato il rogo con fogliame e fogli di carta, per poi fuggire nelle campagne. Sul posto sono subito recati gli agenti della polizia municipale e i carabinieri della locale stazione.

Il rogo è stato domato dai vigili del fuoco del distaccamento di Ostuni.  L’appartamento, al cui interno non si trovava nessuno quando è stato appiccatpo l'incendio, era completamente devastato. Dai rilievi effettuati dai pompieri e dai militari della compagnia di Fasano al comando del capitano Pierpaolo Pinnelli, è parso evidente fin dal primo momento che non si trattava di un evento accidentale.

E in effetti, dopo una serie di accertamenti supportati dalle dichiarazioni rilasciate dal compagno dell’albanese, è emersa la responsabilità della donna. La coppia pare infatti avesse imboccato la via della separazione. Cosa che la straniera non aveva accettato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appartamento in fiamme a Cisternino: rogo appiccato per motivi sentimentali

BrindisiReport è in caricamento