Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Latiano

Armi e munizioni non dichiarate: commerciante finisce ai domiciliari

Può costare caro non rispettare scrupolosamente la normativa sulle armi, anche se le stesse sono legalmente detenute. Si tratta di norme che servono alle forze dell'ordine a monitorare l'esatta ubicazione di fucili e pistole. se a poi a ciò si aggiunge la detenzione illegale di quantitativi di munizioni non dichiarate, e quello di munizioni da guerra e di materiale esplodente, scatta anche l'arresto

LATIANO - Può costare caro non rispettare scrupolosamente la normativa sulle armi, anche se le stesse sono legalmente detenute. Si tratta di norme che servono alle forze dell'ordine a monitorare l'esatta ubicazione di fucili e pistole. se a poi a ciò si aggiunge la detenzione illegale di quantitativi di munizioni non dichiarate, e quello di munizioni da guerra e di materiale esplodente, scatta anche l'arresto. Come è accaduto ad un commerciante di Latiano, nella giornata di venerdì, Giovanni Faggiano di 52 anni, che dovrà rispondere di detenzione illegale di munizionamento da guerra ed esplosivi, omessa denuncia di armi comuni da sparo, omessa ripetizione di denuncia per trasferimento del luogo di detenzione e detenzione abusiva di armi e munizioni

Ad operare, i militari del Norm della compagnia carabinieri di San Vito dei Normanni, che hanno effettuato una perquisizione presso l'esercizio commerciale di Faggiano sito in Oria e presso la sua abitazione di Latiano Il commerciante è stato trovato in possesso di 5 cartucce cal 9 x 19 Nato per pistola,  2,8 chili di cordite per la ricarica delle cartucce e 4,3 di S4, molto usate anche questo per il munizionamento delle armi da caccia.

Poi è stata accertata anche l’omessa denuncia di una canna di fucile da caccia cal. 12 appartenuta al suocero; un fucile da caccia monocanna cal. 20 appartenuto al nonno; un fucile da caccia “doppietta” cal. 20 anche questo appartenuto al nonno, nonché l’omessa comunicazione di trasferimento in altro luogo di detenzione di una carabina, due pistole cal. 7,65 e un revolver cal. 357 magnum. Icarabinieri del Norm di san Vito hanno constatato anche l’illecita detenzione di 748 cartucce da caccia a pallini cal. 12, 15 cartucce 357 magnum, di una cartuccia cal. 9x21, di 61 cartucce 9x16 e di 25 cal. 7,65 Browning per la pistola semiautomatica già citata.

Le armi e le munizioni sono state poste sotto sequestro. Giovanni Faggiano, dopo le formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armi e munizioni non dichiarate: commerciante finisce ai domiciliari

BrindisiReport è in caricamento