menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta di chiudere la porta ai carabinieri: nascondeva 15 grammi di cocaina

I militari si appostano davanti alla casa di un 25enne di Mesagne e quando due uomini bussano alla sua porta entrano in azione

MESAGNE – Ha tentato di chiudere la porta ai carabinieri per poi dirigersi verso il terrazzo, ma è stato subito bloccato. Il 25enne Matteo Primiceri, di Mesagne, nascondeva 15,3 grammi di cocaina suddivisa in dosi all’interno della sua abitazione nel centro di Mesagne. I militari della locale stazione da tempo nutrivano dei sospetti sul suo conto. Nel pomeriggio di ieri (venerdì 8 gennaio) le forze dell’ordine si sono appostate nei pressi della casa del 25enne. Due uomini sono giunti sul posto a bordo di un’auto e davanti agli occhi dei carabinieri hanno bussato alla porta di Primiceri. A quel punto gli uomini in divisa, con l’ausilio del cane anti droga Zilo, del Nucleo Cinofili di Modugno, si sono avvicinati all’ingresso.

Il 45enne, vistosi scoperto, ha tentato di chiudere subito la porta, c’entrando in pieno la gamba di un carabiniere che ha bloccato l’uscio, procurandosi una ferita lacero contusa al polpaccio. Nonostante ciò, il giovane si è diretto verso il terrazzo, ma i carabinieri lo hanno subito fermato. Sottoposto a perquisizione, l’indagato è stato trovato in possesso di 20 bustine termosaldate contenenti complessivamente 15,3 grammi di cocaina (del peso singolo di 0,6/0,7 grammi).

La perquisizione estesa all’abitazione con l’ausilio del cane “Zilo”, ha consentito altresì di rinvenire 6.765 euro in banconote di vario taglio e vario materiale utile per il confezionamento dello stupefacente, il tutto sottoposto a sequestro. Su disposizione dell’autorità giudiziaria, dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato riaccompagnato presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I due uomini che hanno bussato alla sua porta, di 43 e 42 anni, sono stati denunciati a piede libero per favoreggiamento. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cavo elettrico si stacca nelle campagne: sei animali folgorati

settimana

Il premier albanese: "Trenta anni fa Brindisi mostrò la vera solidarietà"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Droga e furti d'auto: blitz all'alba, otto arresti a Brindisi

  • Attualità

    Esodo albanesi un giorno dopo: l'assistenza dei Radioamatori

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Scavi per Aqp a Mesagne, trovata una tomba medievale

  • social

    Frutta e verdura di stagione: la spesa di marzo

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento