menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il prefetto Cuttaia

Il prefetto Cuttaia

Arriva il nuovo prefetto: è Nicola Prete, leccese

ROMA - Un funzionario specializzato in rifugiati arriva a dirigere la Prefettura di Brindisi, che sovrintende alla gestione di un turbolento centro Cara-Cie, forse unico caso in Italia di convivenza tra richiedenti asilo ed extracomunitari da espellere. Il Consiglio dei ministri ha infatti approvato oggi le nomine e il movimento dei prefetti e le nomine e il movimento di dirigenti generali di pubblica sicurezza.

ROMA - Un funzionario specializzato in rifugiati arriva a dirigere la Prefettura di Brindisi, che sovrintende alla gestione di un turbolento centro Cara-Cie, forse unico caso in Italia di convivenza tra richiedenti asilo ed extracomunitari da espellere. Il Consiglio dei Ministri ha infatti approvato oggi le nomine e il movimento dei prefetti e le nomine e il movimento di dirigenti generali di pubblica sicurezza.

Dalla Lombardia alla Puglia Nicola Prete, attuale prefetto di Lecco, è stato nominato prefetto di Brindisi al posto di Domenico Cuttaia che invece svolgerà le funzioni di vice capodipartimento per l'espletamento delle funzioni vicarie al Dipartimento per le politiche del personale dell'amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie.

Il prefetto Nicola Prete, nato a Lecce il 20 novembre 1950, coniugato e con un figlio, si è laureato in Giurisprudenza il 27 giugno 1973 presso l'Università degli Studi di Pisa. Ha conseguito il 17 marzo 1976 l'abilitazione all'esercizio della professione di Procuratore legale, il 23 aprile 1979 l'abilitazione all'insegnamento di Discipline giuridiche ed economiche ed il 7 febbraio 1980 il diploma del Corso di perfezionamento in Storia Moderna presso l'Università degli Studi di Urbino.

Nella riunione del 29 dicembre 2004 il Consiglio dei Ministri lo ha nominato Prefetto, a decorrere dal 31 dicembre 2004, con incarico in seno alla Commissione territoriale di Crotone per il riconoscimento dello status di rifugiato. Con successiva deliberazione del 15 luglio 2005 il Consiglio dei Ministri gli ha conferito l'incarico di Direttore Centrale dei Servizi Civili per l'Immigrazione e l'Asilo, presso il Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Ministero dell'Interno, a decorrere dal 27 luglio 2005. In data 12 dicembre 2006 il Consiglio dei Ministri gli ha conferito l'incarico di Prefetto di Lecco, a decorrere dal 4 gennaio 2007.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento