menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto www.gofasano.it

Foto www.gofasano.it

La banda dell'Audi fa esplodere un altro bancomat: bottino da 20mila euro

Il colpo è stato perpetrato ai danni della Banca di credito cooperativo di Ostuni situata in via Teano 140, a Montalbano, frazione, di Fasano. Il sistema di macchiatura delle banconote non è entrato in funzione. Al vaglio le immagini delle telecamere

FASANO – La banda dell’Audi torna ad assaltare con la consueta tecnica dell’esplosione la postazione bancomat di un istituto di credito. Ammonta a circa 20mila euro il bottino di un colpo messo a segno la scorsa notte (fra venerdì 9 e sabato 10 giugno) ai danni della Banca di credito cooperativo di Ostuni situata in via Teano 140, a Montalbano, frazione di Fasano.

I residenti sono stati svegliati intorno alle ore 3 da un boato. I malviventi, giunti sul posto a bordo di un’Audi S6 station wagon di colore grigio di cui non si conosce la targa, hanno immesso del gas acetilene nella fessura dello sportello in cui si inseriscono le banconote e poi hanno provocato la deflagrazione.

L’onda d’urto ha mandato in frantumi la porta di ingresso dell’istituto di credito, causando dei danni all’interno dell’edificio. Nel giro di pochi secondi i banditi si sono impossessati delle banconote e si sono dileguati. Nel giro di pochi minuti sono intervenuti i carabinieri della locale stazione e del Norm della compagnia di Fasano, per i rilievi del caso.

Fortunatamente non si registrano feriti. Il sistema di macchiatura delle banconote con inchiostro di cui è dotato la banca non è entrato in funzione. Immediatamente sono state acquisite le immagini riprese dalle telecamere della banca e delle attività limitrofe. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento