menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assunzioni vigili urbani, ricorsi al Tar dopo la graduatoria

Tre candidati esclusi chiedono l’annullamento, previa sospensione: “Non si potevano consultare testi legislativi”

BRINDISI – Dopo l’approvazione della graduatoria per l’assunzione di sette vigili urbani al Comando di Brindisi, arrivano i (primi) ricorsi al Tar: tre candidati eslusi chiedono l’annullamento dell’elenco, previa sospensione, sostenendo che il bando di concorso non prevedeva la possibilità di consultare testi legislativi durante lo svolgimento della prova scritta.

L’Amministrazione cittadina ha già deciso di “resistere”, intende cioè costituirsi in giudizio davanti alla sezione di Lecce del Tribunale amministrativo regionale e lo farò con i legali interni Monica Canepa ed Emanuela Guarino, a cui il commissario ha conferito mandato per rappresentare in udienza la posizione dell’Ente. Tutto in regola, in altri termini, per il Comune, stando a quanto sostenuto per iscritto dal dirigente del settore Politiche del personale Angelo Roma in relazione al bando indetto nel 2010 e arrivato a conclusione solo nei giorni scorsi con l’approvazione della graduatoria ai fini dell’assunzione di sette unità come istruttori di vigilanza di categoria C, così come con riferimento ai verbali della commissione giudicatrice.

Di diverso avviso sono, al momento, tre candidate escluse dalla partecipazione alla seconda prova, quella orale, per non aver raggiunto il punteggio minimo allo scritto. I ricorsi sono stati presentati da Rossella Laierno, Daniela Lanzilotti e Francesca Sgura. In tutti e tre i casi, i legali chiedono ai giudici del Tar l’annullamento, previa sospensione di atti e provvedimenti relativi al concorso pubblico indetto dall’Ente, partendo dalla nota con cui il presidente della commissione giudicatrice ha comunicato alle candidate di non essere state ammesse a sostenere l’orale, per non aver superato il secondo scritto.

L’esclusione è stata definita “ingiusta e illegittima”. Spetta al Tar stabilire chi abbia ragione e chi no. Intanto resta il punto interrogativo sulle sorti del concorso e dei sette innesti al Comando della polizia municipale di Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento