menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Brindisi, il palazzo della Provincia

Brindisi, il palazzo della Provincia

"Attività Provincia a forte rischio corruzione"

BRINDISI – Le attività svolte dalla Provincia di Brindisi per competenze istituzionali e deleghe regionali, in questo particolare territorio, le rende ad alto rischio di pressioni corruttive. Lo fa sapere una nota della gestione commissariale dell’ente.

BRINDISI - Le attività svolte dalla Provincia di Brindisi per competenze istituzionali e deleghe regionali, in questo particolare territorio, le rende ad alto rischio di pressioni corruttive. Lo fa sapere una nota della gestione commissariale dell'ente, che ha appena approvato l'aggiornamento del Piano di prevenzione della corruzione. Il livello di rischio, massimo, viene dedotto dall'applicazione dei parametri previsti dal Piano nazionale anticorruzione. Il commissario straordinario della Provincia di Brindisi, Cesare Castelli, ha approvato il nuovo Cptpc per il triennio 2014-2016 con i poteri del consiglio provinciale.

"Si tratta di un codice di comportamento destinato a definire, per i dipendenti dell'amministrazione provinciale di Brindisi, precisi criteri che, chi lavora o collabora con questo Ente, deve scrupolosamente osservare. In caso di gravi inadempienze o violazioni, lo stesso piano prevede anche il licenziamento del dipendente pubblico scorretto", sintetizza il comunicato di Castelli

"Il piano di prevenzione anticorruzione, oltre a sottolineare i principi generali del corretto comportamento già previsti della Costituzione per un dipendente o un collaboratore della Provincia di Brindisi, sottolinea - prosegue la nota - che i soggetti tenuti all'osservanza del Codice devono, ad esempio, usare a soli scopi di interesse pubblico le informazioni di cui dispongono per ragioni di ufficio e la loro azione amministrativa sarà orientata alla massima economicità, efficienza ed efficacia".

Anche la gestione delle risorse pubbliche da parte dei dipendenti della Provincia "deve seguire una logica di contenimento dei costi senza pregiudicare la qualità dei risultati assicurando anche la piena parità di trattamento e condizione. Chi opera per conto della Provincia di Brindisi dovrà dimostrare la massima disponibilità e collaborazione nei rapporti con le altre pubbliche amministrazioni ed avrà l'obbligo di diligenza, lealtà e imparzialità che qualificano il corretto adempimento della sua prestazione lavorativa".

Niente consulenze esterne con privati: "Chi è soggetto a queste regole di comportamento, tra l'altro, dovrà astenersi dall'accettare incarichi di collaborazione o di consulenza con qualsiasi tipologia di contratto ed a qualsiasi titolo da persone o enti privati. Il Piano ha previsto un approfondito studio realizzato dal segretario generale dell'Ente, Guido De Magistris, che ha individuato e redatto un'apposita relazione sugli eventuali processi a rischio corruzione attraverso l'analisi delle procedure e delle competenze dei vari uffici e settori dell'amministrazione provinciale".

"Lo studio (realizzato con l'ausilio dei vice segretari componenti la struttura di supporto, dottoressa Fernanda Prete, dottoressa Alessandra Pannaria e la dottoressa Annamaria Attolini in qualità di funzionario componente dello staff di supporto del Segretario Generale per i controlli interni) ha permesso di individuare una sorta di scala dei probabili rischi: minima, media e massima. Dall'applicazione dei parametri indicati dal Piano nazionale anticorruzione, il valore delle attività svolte dall'amministrazione provinciale - ed ecco la notizia - ha portato a collocarle al livello massimo della scala dei rischi il che appare significativo al fine di evitare qualsiasi comportamento non decoroso o a rischio corruzione".

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento