Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Morto a casa subito dopo le dimissioni dall'ospedale: nove indagati

Disposta l'autopsia sul corpo di un brindisino di 47 anni colto da malore lo scorso 8 giugno. Era stato ricoverato per 12 giorni nel reparto di Ortopedia

BRINDISI – Nove persone sono indagate per il decesso di un brindisino di 47 anni (G.B.) che lo scorso 8 giugno morì presso la sua abitazione, subito dopo le dimissioni dal reparto di Ortopedia. Un avviso di accertamento tecnico irripetibile è stato firmato dal pm del tribunale di Brindisi che coordina l’inchiesta. Lo stesso stamattina (venerdì 18 giugno) ha conferito l’incarico per l’esame autoptico ai medici legali Roberto Vaglio e Piero Galluccio. Gli indagati hanno avuto la possibilità di essere rappresentati da periti di parte. L’autopsia, i cui risultati saranno depositati entro i prossimi 90 giorni, dovrà far lue sulle cause del decesso.

Il 47enne fu ricoverato nel reparto di Ortopedia del nosocomio brindisino lo scorso 28 maggio, a seguito di una frattura all’omero causata da una caduta nel cortile condominiale. Otto giorni dopo il ricovero fu sottoposto a intervento chirurgico. L’8 giugno, dopo 12 giorni di degenza, è stato dimesso. Ma una volta varcata la soglia di casa, il 47enne fu colto da malore fatale. Vani i tentativi di rianimazione praticati dal personale del 118. I genitori di G.B. sporsero denuncia a carico di ignoti presso la caserma dei carabinieri di Brindisi. Da allora la salma è sotto sequestro. Il nulla osta per la restituzione alla famiglia arriverà al termine dell’autopsia. Uno degli indagati è difeso dall'avvocato Serena Missere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto a casa subito dopo le dimissioni dall'ospedale: nove indagati

BrindisiReport è in caricamento