Bagnini utilizzati in altre mansioni e Kitesurf selvaggio: multe

Nell’ambito dell’operazione estiva “Mare Sicuro” della Guardia Costiera finalizzata al rispetto delle norme in materia di sicurezza e salvaguardia della vita umana in mare

BRINDISI - Prosegue a pieno ritmo l’attività di controllo, sia lungo la costa che in mare, nell’ambito dell’operazione estiva “Mare Sicuro” della Guardia Costiera, finalizzata al rispetto delle norme in materia di sicurezza e salvaguardia della vita umana in mare oltre che della libera fruizione del mare e delle spiagge.

Nella giornata odierna il personale della Sezione di Polizia Marittima della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Brindisi, ha operato numerosi controlli presso le strutture balneari del litorale di competenza del Comune di Fasano presso la località marittima di Savelletri. Tre strutture balneari sono state sanzionate amministrativamente con multe di 1.032 euro. Le violazioni riguardavano, in particolare la sicurezza: gli assistenti ai bagnanti non erano presenti sulla loro postazione ma venivano utilizzati in altre mansioni, nonostante la presenza di bagnanti. 

controlli guardia costiera3-2

In località Apani del Comune di Brindisi, sono state elevate diverse sanzioni nei confronti di soggetti che stavano effettuando attività di kitesurf e windsurf, nella zona dei 200 metri dalla costa, con presenza di bagnanti in acqua, sprovvista tra l’altro di corridoio di lancio. Per questa violazione, prevista è una sanzione massima di 688,50 euro. 

L’attività di kitesurfing (tavola con aquilone) è disciplinata dall’ordinanza n. 27/2017 della Capitaneria di Porto di Brindisi “Regolamento sulla disciplina del diporto nautico nell’ambito del circondario marittimo di Brindisi”. L’ordinanza vieta la pratica del kitesurfing a una distanza inferiore a metri quattrocento dalle spiagge e dalle scogliere basse, ed impone l’utilizzo di un corridoio di lancio esclusivamente predisposto per tale scopo.

controlli guardia costiera1-2

L’attività rientra nell’operazione estiva Mare Sicuro disposta, dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto su tutto il territorio nazionale con lo scopo di assicurare la tutela dei bagnanti e dei diportisti e, più in generale, garantire elevati standard di sicurezza nel settore turistico-balneare.

controlli guardia costiera1-2

In questa ottica, il personale della Guardia Costiera è impegnato, quale ulteriore obiettivo dell’operazione, nella costante vigilanza finalizzata a garantire la corretta fruizione delle spiagge libere e del demanio marittimo, mare incluso, proprio per scongiurare ogni forma di abuso in danno della collettività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per informazioni il personale della Capitaneria di porto - Guardia Costiera di Brindisi è sempre disponibile al numero 0831521022 e mail cp.brindisi@mit.gov.it, mentre permane attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero blu 1530 da utilizzarsi esclusivamente per segnalare eventuali emergenze in mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

  • Consiglio regionale: cinque eletti in provincia di Brindisi

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento