Cronaca

In giro oltre le 22 senza motivo ma con la droga nell'auto: una denuncia

Gli agenti della sezione Volanti hanno sanzionato i tre giovani, anche, per la violazione delle norme anti Covid

BRINDISI -  Tre giovani sono stati fermati, controllati e sanzionati dagli agenti della sezione Volanti della questura di Brindisi. In particolare, ieri sera, venerdì 5 marzo 2021, durante l'attività di controllo nelle strade del centro di Brindisi, intorno alle 22:30, al di fuori dell'orario consentito dalle disposizioni anti Covid, gli agenti hanno fermato e controllato, in via Monsignore De Filippis, al quartiere Sant'Angelo, una Fiat Punto con a bordo tre giovani: C.A. 23 anni, P.C. 31 anni e V.C. 34 anni.

Lo strano comportamento assunto da uno dei fermati (C.A.)  non è sfuggito agli operatori della Volante che hanno approfondito i controlli riuscendo a rinvenire cinque piccoli involucri contenenti complessivamente 5,64 grammi di hashish e un altro involucro contenente 3,01 grammi di marijuana. Inoltre il giovane aveva con sé una somma di denaro pari a 115 euro. Alla luce di ciò, gli agenti hanno ritenuto opportuno estendere le ricerche presso l’abitazione del 23enne. 

Questo ha permesso, infatti, di rinvenire una ulteriore somma di denaro pari a 150 euro sulla cui provenienza non erano state fornite spiegazioni plausibili tanto da fare ritenere che tutto il denaro ritrovato fosse frutto di “attività di spaccio”. Ultimata la perquisizione il giovane è stato accompagnato presso gli uffici della questura per essere denunciato in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Gli involucri e il denaro rinvenuti sono stati sottoposti a sequestro. 

A carico dei tre giovani sono state elevate le contestazioni di rito per la violazione della normativa sul contenimento del contagio da Covid-19, considerato che erano fuori di casa, senza giustificato motivo, oltre le ore 22.      
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In giro oltre le 22 senza motivo ma con la droga nell'auto: una denuncia

BrindisiReport è in caricamento