Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

C'é anche la fattura di una cena

BRINDISI - “Trovo giusto che l’autorità giudiziaria effettui tutti gli accertamenti del caso sull’attività svolta dall'amministrazione. Tale attività costituisce una garanzia per i cittadini ed anche per noi amministratori”. Questo il commento del sindaco Mimmo Consales dopo l'acquisizione di atti presso il Comune di Brindisi affidata dai pm Giuseppe De Nozza e Savina Toscani alla Digos, delibere riguardanti "lo svolgimento della rassegna di spettacoli promossa dall’Amministrazione comunale nell’estate 2012 ed all’affidamento alla società News Sas dell’incarico di rassegna stampa e di call center".

Il sindaco Consales e Paola Baldassarre

BRINDISI - "Trovo giusto che l'autorità giudiziaria effettui tutti gli accertamenti del caso sull'attività svolta dall'amministrazione. Tale attività costituisce una garanzia per i cittadini ed anche per noi amministratori". Questo il commento del sindaco Mimmo Consales dopo l'acquisizione di atti presso il Comune di Brindisi affidata dai pm Giuseppe De Nozza e Savina Toscani alla Digos, delibere riguardanti "lo svolgimento della rassegna di spettacoli promossa dall'Amministrazione comunale nell'estate 2012 ed all'affidamento alla società News Sas dell'incarico di rassegna stampa e di call center".

Ma l'incarico conferito al vicequestore Vincenzo Zingaro riguardava anche l'acquisizione della fattura del ristorante presso cui il vicesindaco Paola Baldassarre condusse un esponente del governo albanese in visita, il presideinte a fine mandato Bamir Topi - a metèà del luglio scorso - per una cena a quanto pare sopra le righe in quanto ad invitati per i quali il Comune di Brindisi non sarebbe stato obbligato all'ospitalità, circostanza tuttavia che deve essere verificata dai magistrati. La spesa per l'amministrazione comunale fu di 1200 euro circa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'é anche la fattura di una cena

BrindisiReport è in caricamento